Tiscali
Non perderti la diretta la diretta

Speciale 1917

Realtà o finzione? La storia e la fantasia degli autori si mescolano per raccontare una vicenda di grande umanità.
Marco ModugnoDi Marco Modugno (18 gennaio 2020)

60 milioni di uomini in uniforme. 9 milioni di morti. Sono le terribili statistiche delle vittime (contando solo i militari caduti: vi furono altrettante perdite tra i civili) del primo conflitto mondiale. Una guerra tremenda, mai vista prima, iniziata pensando che sarebbe stato un conflitto come tanti altri e sfociata in un carnaio orrendo come non se ne erano mai visti, a causa dell’evoluzione tecnologica degli armamenti. Proiettili d’artiglieria esplosivi, mitragliatrici, gas asfissianti, carri armati e aeroplani si affacciarono sui campi di battaglia di Europa e Medio Oriente, mietendo in cinque anni la migliore gioventù di tutte le nazioni coinvolte, quella che alla chiamata alle armi dei rispettivi governi si era presentata senza cercare pretesti o scusanti, pronta a fare il suo dovere.

Nell’ormai lontano 1998 Salvate il soldato Ryan di Spielberg, con la terribile sequenza iniziale dello sbarco della 29ma Divisione di Fanteria sulla spiaggia normanna di Omaha, cambiò per sempre il modo di fare un film sulla guerra, obbligando i cineasti di fine Novecento a liberarsi una volta per tutte di ogni pretesa agiografica per mettersi di fronte al fatto di cronaca, nudo e crudo. La guerra moderna su scala globale non ha nulla di nobile e cavalleresco: è massacro sistematico, annientamento su scala industriale, tritacarne di esseri umani in nome di un’ideologia, politica o economica che essa sia. 1917, con la sua regia rivoluzionaria (vedi recensione) segna un'altra tappa fondamentale di quella storia, aprendo uno squarcio altrettanto vivido su un conflitto che oggi, dopo oltre cent’anni, ci sembra lontano ma che costituisce, invece, il primo esempio di scontro tecnologico di massa.

Può un solo uomo fare la differenza sul campo di battaglia di una guerra mondiale? Il film di Sam Mendes, ispirato dai racconti di guerra di suo nonno Alfred, portaordini della Prima Brigata Fucilieri di Sua Maestà britannica, racconta la storia di due semplici caporali, chiamati a compiere una missione impossibile che, per una volta non ha nulla di hollywoodiano (se non la perfetta ricostruzione dell’ambientazione storica e gli effetti speciali che la tecnica del ventunesimo secolo rende possibili).

1917 - Immagine 1

Assomiglia piuttosto a ciò che il giovane soldato Mendes, nonno del regista, ha dovuto davvero affrontare davvero nelle trincee francesi. La sceneggiatura, ovviamente, si prende qualche libertà sul racconto reale. A cominciare dalla data scelta per l’inizio della missione. Quel 6 aprile 1917 non è un giorno qualsiasi, ma quello in cui gli Stati Uniti entrarono in guerra, inviando un corpo di spedizione sul suolo europeo per posare una pietra miliare della “dottrina Wilson”. Ritrovandosi non a caso qualche decennio dopo, alla fine di un altro conflitto mondiale ancor più sanguinoso, a sostituirsi alle vecchie potenze europee coloniali, vincitrici e vinte, nel ruolo di protagonisti dell’ordine mondiale nato sulle ceneri della guerra.

Per accordare la narrazione a questa data, Mendes non si fa scrupolo di “ritardare” di un paio di mesi l’Operazione Alberich, brillante rischieramento difensivo tedesco messo in atto allo scopo di accorciare il fronte sulla linea Hindemburg, migliorandone la tenuta difensiva e riducendo di ben 14 divisioni le risorse belliche necessarie a presidiarlo. Alberich ebbe luogo tra il 9 febbraio e il 20 marzo 1917 e, contrariamente a quanto si vede nel film, gli alleati si accorsero in ritardo del dispiegamento, perdendo l’occasione di attaccare le truppe germaniche in ritirata e trasformando la mossa del generale Ludendorff in un completo successo. Durante la ritirata, i tedeschi attuarono in maniera davvero teutonica la tecnica della “terra bruciata”, minando i ponti e le strade, distruggendo gli edifici, uccidendo il bestiame, abbattendo gli alberi da frutto e lasciando ovunque pericolose trappole esplosive come si vede nel film.

1917 - Immagine 3

Se l’operazione Alberich fa da sfondo alla vicenda narrata, però, è alla battaglia di Poelcappelle, vissuta in prima persona da Alfred Mendes, che si ispira la storia individuale dei due eroici portaordini del film. Il 12 ottobre 1917 il suo reparto in cui serviva fu impiegato nel tentativo di riprendere il villaggio belga, prossimo al crinale di Passchendaele, teatro della tremenda battaglia di Ypres. 158 uomini dei 484 che componevano il battaglione di Mendes furono uccisi durante l’azione e molti altri risultavano feriti o dispersi nella “terra di nessuno”.

Qualcuno doveva uscire per localizzarli e aiutare le unità di soccorso a ricondurli nelle trincee amiche. Alfred Mendes, come scrisse anni più tardi nella sua autobiografia, aveva frequentato un corso da portaordini e, dal momento che “s’intendeva un po’ del lavoro”, si sentì obbligato a offrirsi volontario. Il suo gesto contribuì a salvare molte vite e gli fruttò una Military Medal al valore. Accendendo una piccola luce brillante di umanità e coraggio nella lunga e terribile notte della Grande Guerra.

1917 - Immagine 4

Non c'è nulla di casuale nelle scelte autoriali di Sam e Kristy. La storia vera è assorbita, studiata, rispettata e utilizzata per narrare una vicenda di fantasia, rispettosa però dell'esigenza di realismo e verosimiglianza che un racconto di guerra deve rispettare. Ecco perché il viaggio avventuroso di Schofield e Blake, per una volta, non somiglia affatto a una delle innumerevoli e già viste missioni impossibili di matrice hollywoodiana. Seguendo i due caporali passo dopo passo, attraverso la Terra di Nessuno e i suoi pericoli, non si smarrisce mai, nemmeno per un istante, la sensazione di verosimiglianza e realismo, riuscendo senza difficoltà ad immedesimarsi nelle vicende umane di chi quella guerra l'ha combattuta davvero. Strizzato l'occhio oltre oceano ai finanziatori americani, con quella data fatidica mostrata in sovrimpressione all'inizio del film, come a voler ricordare il contributo dato dagli yankees alla vittoria finale, il periodo primaverile scelto per l'ambientazione diventa poi il pretesto geniale per scrivere pagine poetiche che alternano prati in fiore e sterrati fangosi arati dalle bombe, diluvi di shrapnel e il lento turbinare nel vento dei petali dei fiori di ciliegio, appena sbocciati.

1917

1917 Cover
  • Regia: Sam Mendes
  • Produzione: Jayne-Ann Tenggren, Callum McDougall, Sam Mendes, Pippa Harris
  • Nazionalità: Stati Uniti, Regno Unito
  • Distributore: 01 Distribution
  • Sceneggiatura: Kristy Wilson-Cairns, Sam Mendes
  • Genere: Guerra
  • Durata: 119 min.
  • Data di uscita: 23 gennaio 2020
  • Cast: George MacKay, Dean-Charles Chapman, Mark Strong, Andrew Scott, Richard Madden, Claire Duburcq, Colin Firth, Benedict Cumberbatch, Daniel Mays, Adrian Scarborough, Jamie Parker, Michael Jibson, Richard McCabe, Nabhaan Rizwan
Empire
Locke & Key

5

Locke & Key

La magia è la chiave del nuovo teen drama targato Netflix

Luna Nera

4

Luna Nera

Streghe e cacciatori in un (mediocre) fantasy tutto italiano

A Discovery of Witches

3

A Discovery of Witches

Anticipazioni e informazioni sulla nuova serie in onda su Sky

Star Trek: Picard

4

Star Trek: Picard

Il ritorno inaspettato di Patrick Stewart in uniforme

The New Pope

2

The New Pope

I primi intrecci che coinvolgeranno il papato della nuova serie di Sorrentino

Empire
Un Amico Straordinario
Un Amico Straordinario

Una stravagante, a tratti surreale, condanna alla rabbia

Birds of Prey  (e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn)

3

Birds of Prey (e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn)

Vi raccontiamo l'emancipazione di Harley Quinn

Dolittle

2

Dolittle

Il regno animale prende la parola.

1917
1917

Realtà o finzione? La storia e la fantasia degli autori si mescolano per raccontare una vicenda di grande umanità.

1917
1917

Il film di Sam Mendes sulla Grande Guerra lascia tutti a bocca aperta e fissa nuovi paradigmi per il cinema di genere che verrà.