Tiscali

Recensione Ninety-Nine Nights

Le sanguinose lotte tra luce e ombra sulla console di casa Microsoft.
Tommaso Alisonno Di Tommaso Alisonno(8 settembre 2006)
In un mondo dal sapore estremamente fantasy, è perlomeno auspicabile che l'eterna lotta tra il bene e il male possa raggiungere le epiche cime di una o più battaglie campali. È il caso del mondo di Ninety-Nine Nights, più noto semplicemente come N3, in cui la scissione in cielo del sole in uno strano agglomerato per metà luminoso e per metà nero come la pece ha risvegliato gli istinti guerreschi delle truppe umanoidi che vivono nelle terre del sud. Come un'armata di immigranti meridionali in cerca di lavoro a Milano, Orchi, Goblin e quant'altro hanno cominciato pertanto a riversarsi sulle terre degli umani, saccheggiando e distruggendo villaggi e città. Contro di loro vengono prontamente sollevate diverse armate, alcune costituite dalla forza di difesa delle varie regioni, altre di natura religiosa, altre ancora di mercenari di professioni, ciascuna con i propri condottieri e i propri eroi degno di nota. Questi eroi, baciati dalla “benedizione della luce”, sono i protagonisti del gioco.
Ninety-Nine Nights - Immagine 1
Inphyy bella e letale
Ninety-Nine Nights - Immagine 2
Massacri come questo saranno all'ordine del giorno
Ninety-Nine Nights - Immagine 3
Notare l'effetto “Fluido” della scia lasciata dalla spada
Se non si fosse ancora intuito da questa introduzione e dai numerosi screenshot, N3 appartiene a quella categoria di gioco (di cui esempio lampante è la serie Dynasty Warriors di Koei) in cui il giocatore si troverà impegnato a condurre il proprio personaggio, di molti punti più potente dei guerrieri comuni, in mezzo a battaglie campali dove saranno coinvolte truppe nemiche ed alleate: una sorta di mega-picchiaduro su vasta scala in stile fantasy con spade che falciano sei avversari alla volta, stregoni che lanciano fulmini e draghi che soffiano fuoco passando rasoterra sul mucchio. La storia prenderà una piega differente a seconda del personaggio scelto, sia esso un mercenario, un ufficiale dei cavalieri del tempio o un soldato di professione, e si snoderà in un numero di missioni variabile (dalle due alle sei), con risvolti ogni volta differenti. Inizialmente solo tre personaggi saranno disponibili, ma altri si aggiungeranno man mano che il gioco verrà terminato coi precedenti.
I comandi di gioco saranno relativamente semplici, in quanto consisteranno nella stragrande maggioranza dei casi nel premere con il giusto tempismo i due tasti d'attacco. Questi, contrariamente alla norma, non corrispondono necessariamente ai tipici “attacco veloce e attacco potente”, ma in generale sono due differenti comandi che, una volta combinati tra loro, eseguono le varie sequenze. A questi si aggiunge il comandi di salto e un'evanescente comando di parata, che ha la caratteristica antipatica di non interrompere le tecniche d'attacco (come di solito succede) ma di dover essere premuto in situazioni di stasi per essere attivato. Seguono il comando per lo “scatto”, in avanti o lateralmente, e quello per le tecniche speciali, ossia l' “Attacco Astro” e la “Scintilla Astro”. Per poter eseguire il primo di questi sarà necessario riempire una barra a furia di sconfiggere nemici con gli attacchi tradizionali, mentre per il secondo bisognerà riempire una seconda barra abbattendo avversari tramite l'Attacco Astro (e pertanto si riesce ad eseguire non più di una o al massimo due volte per battaglia).

A questa gestione piuttosto classica, sebbene “sequenziale” negli attacchi, del singolo personaggio, si aggiunge la necessità di impartire ordini a due unità di soldati al nostro servizio: denominate “fianco sinistro” e “fianco destro”, le unità andranno scelte in fase di briefing tra fanteria leggera, fanteria pesante, arcieri e alabardieri. Durante la battaglia sarà possibile impartire loro degli ordini di massima, vale a dire “carica” (attaccare qualsiasi cosa si muova), “difesa” (serrare le fila intorno al comandante e cercare soprattutto di ridurre le perdite) e “fermi” (per rimanere in attesa di ulteriori ordini). A contorno di tutto, permane l'oramai più che comune “implementazione RPG” grazie alla quale il personaggio avanzerà di livello e di potere a furia di massacrare avversari e potrà essere equipaggiato con armi e item sempre più numerosi e potenti man mano che la vicenda si snoda. Tecnicamente N3 avrebbe potuto dare molto, ma in realtà il risultato ci lascia perlomeno perplessi, se non addirittura delusi. La grafica, per esempio, presenta un ottimo studio delle mappe e degli ambienti, ed anche se bisogna accettare il fatto che i modelli semplicemente attraversino sterpi e cespugli come se questi non esistessero (pretendere di più, vista la mole di modelli, sarebbe follia pura) si può dire che in linea di massima l'iterazione col mondo sia garantita. I modelli sono ben realizzati, tanto i personaggi quanto i soldati comuni, quanto le truppe umanoidi nemiche: per quanto raggiungano cime di eccellenza soltanto nelle cinematiche (e nei bellissimi filmati in CG), in generale sono sempre molto dettagliati sia per quanto concerne il numero di poligoni, sia per l'accuratezza delle textures, sia per gli effetti di blur, anti-aliasing e ombre varie. Gli effetti speciali sono molto... appariscenti, con fiamme, lampi, onde energetiche e quant'altro che si susseguono sullo schermo man mano che eseguite le varie combinazioni d'attacco. Peccato, però, che il motore fatichi maledettamente a gestire il tutto, e non poche volte si assiste ad un grave fenomeno che, religiosamente parlando, non si dovrebbe mai verificare in un gioco uscito nel primo periodo di una console next-gen: stiamo parlando di un mastodontico calo del frame-rate, con conseguente rallentamento dell'azione di gioco.
Ninety-Nine Nights - Immagine 4
Fulmini e tempeste risponderanno agli ordini dei nostri eroi
Ninety-Nine Nights - Immagine 5
Mille contro una? Poveracci: non sanno cosa li aspetta...
Ninety-Nine Nights - Immagine 6
Aspharr esibisce con perizio i risultati del suo addestramento con la lancia
Per l'audio si configura un discorso simile: la colonna sonora è molto bella, proponendoci dei brani maestosi in stile classico, più che adatti al clima guerresco e contemporaneamente favolistico delle battaglie fantasy. Gli effetti sonori sono molto buoni, ma soffrono di un problema di mixing secondo cui, al riprodursi di più contemporaneamente, anche il volume totale sembra aumentare in proporzione; conseguenza di ciò è che se attaccate un nemico da solo potreste non sentire il colpo, mentre se ne attaccate venti in sequenza (situazione invero affatto rara) potreste essere denunciati dai vicini per rumori molesti. I doppiaggi sono discreti, o perlomeno si dividono in voci ben intonate e voci a mala pena sufficienti (come quella di Inphyy); purtroppo, e qui un nuovo errore, i doppiaggi in americano (gli unici disponibili) non seguono per nulla il labiale, ed oltretutto nei filmati in CG mancano totalmente i sottotitoli.

Per quanto concerne la giocabilità, N3 si presenta da principio come un titolo semplice e immediato: è infatti quasi naturale, una volta trovatisi in mezzo a orde di nemici, il premere quasi istintivamente i due tasti d'attacco e vedere corpi morti volare qua e là per il campo di battaglia. In seguito, però, alcune pecche vengono a galla: la prima è di sicuro l'utilizzo della parata, che come già detto non ha la precedenza su altre mosse, con la conseguenza che è eseguibile solo in situazione di “calma”; inutile dire che, così stando le cose, una parata risulta efficiente una volta su venti. Il secondo elemento opinabile è costituito dal fatto che è molto difficile distinguere tra amici e nemici quando si creano le mischie: salvo un piccolo cerchietto bianco sotto i piedi dei nostri soldati, infatti, solo la distinzione tra i modelli potrà aiutarci a non confondere un soldato per un goblin, visto che le tinte sono pressoché identiche, e che manca una cosa molto utile, vale a dire la barra dell'energia su ogni nemico. Dulcis in fundo, i boss sono squilibrati: troppo forti, troppo resistenti; un loro colpo è capace di privarci di un quarto dell'energia totale, mentre molti dei nostri attacchi si traducono in un riduzione infinitesimale della loro riserva. Capita troppo spesso che si arrivi al cospetto di un boss con numerose truppe al seguito e le si veda morire tutte prime di riuscire a levargli anche solo metà barra.

La longevità è forse l'unico elemento del gioco che superi distintamente la sufficienza: se tre personaggi iniziali non sono poi tanti, è anche vero che se ne possono sbloccare altri quattro, e per quanto le campagne di questi ultimi tendano ad essere meno “polpose” delle prime, è anche vero che portano il totale a sette. Rimane il fatto, però, che una volta terminato il tutto lo rigiocherete solo di tanto in tanto, e solo una specifica missione per volta, in quanto non è presente né una selezione di livello di difficoltà né soprattutto un MultiPlayer di qualsiasi genere. Concludendo, N3 parte da presupposti interessanti, ma soffre di diversi problemi, dovuti forse a un'eccessiva fretta, e non riesce a spiccare come gran gioco, ma soltanto a ritagliarsi uno spazietto per appassionati del genere. Vivamente consigliata la prova prima dell'acquisto.
Ninety-Nine Nights - Immagine 8
Il dettaglio dei visi sarà rimarchevole
Ninety-Nine Nights - Immagine 9
La regina ricorderà non poco Amicala... ma cos'è quel clipping tra i pendenti e il vestito? Hum...
Ninety-Nine Nights - Immagine 10
“Non lasciatene vivo neppure uno!”
6
Ninety-Nine Nights non è un brutto gioco, ma purtroppo fa acqua in diversi punti. La realizzazione tecnica è solo apparentemente notevole, ma rivela immediatamente le sue pecche in condizioni di mischia, apparendo eccessivamente caotica e confusa, e soprattutto arrancando quando gli effetti speciali superano una soglia anche troppo bassa. Le trame differenti a seconda del personaggio non sono male, ed è pregevole il fatto che alcune storie offrano delle scelte, ma per il resto i singoli scenari sono piuttosto lineari. Infine, a livello di bilanciamento c'è troppa disparità tra truppe e boss, e tra questi e il personaggio. Da provare con attenzione per almeno due o tre missioni prima di procedere all'acquisto.
voto grafica6,5
voto sonoro6
voto gameplay5
voto durata7