Tiscali

Recensione Ford Racing 3

Francesco Romagnoli Di Francesco Romagnoli(10 febbraio 2005)
Avete già finito Need For Speed Underground 2? Avete già consumato ferocemente Burnout 3? Siete sicuri che il vostro negoziante di fiducia, stufato del vostro quotidiano presentarsi per chiedere dell'uscita di Gran Turismo 4, non vi stia attendendo sulla soglia con in mano una calibro 44 e nell'altra il guinzaglio del suo feroce Pallino, Dobbermann dalle riconosciute maniere spicce? Si? Quindi non siete ancora sazi di sgommate, traguardi e sportellate.
Ed è così allora che vi cade l'occhio su questo titolo meno blasonato ma che, adocchiato qualche screenshot, vi pare possa fare al caso vostro.

In mezzo allo schieramento
In effetti all'apparenza questo gioco si presenta discretamente: una grafica definita, il marchio Ford presentato a caratteri cubitali. Però quel “3” potrebbe comparire come controverso. Di certo, infatti, la serie non è famosissima, i capitoli precedenti (di cui il primo per PSOne) non hanno venduto tanto. Del resto arrivare alla terza pubblicazione dona anche un certo senso di continuità. Vien quindi da pensare che i titoli antecedenti, proprio dei fallimenti non devon esser stati.
O magari non lo sono stati all'estero, specie negli Stati Uniti, dove le Ford sono ben più popolari che da noi. Trattasi infatti di un gioco di guida prettamente monomarca. Non ci saranno quindi Ferrari o Porsche ad allettarci e nemmeno le centinaia di modelli proposti da altri titoli ben più blasonati. Solo ed esclusivamente Ford, anche se in discreto numero e con una varietà di modelli di tutto rispetto, dai pick-up alle vecchie thunderbirds per arrivare alla riedizione moderna della famosa GT40.
Ford Racing 3 - Immagine 1
Ford Racing 3 - Immagine 2
Ford Racing 3 - Immagine 3
Una volta chiarita l'esclusività del concessionario, vien da chiedersi a quale tipo di racing game, tra quelli richiamati sopra, maggiormente si accosti questo FR3.
In realtà a nessuno in particolare. Più che altro va a toccare le corde del più classico arcade in stile Project Gotham Racing. Non ci saranno insomma auto da upgradare o tamarrare, incidenti a folli velocità o un modello di guida simulativo per gli amanti delle teorie sul punto di corda.
Al contrario ci saranno mini-tornei composti da 4-5 gare in cui tentare di arrivare primi, corredati da un'altra modalità molto variegata, in cui vi verranno proposte dalle più banali sfide contro il tempo alle gare in cui il seguire una determinata traiettoria vi fornirà di “turbo” extra; e ancora tragitti da percorrere nel minor tempo possibile passando attraverso dei coni o ancora gare in cui sorpassare un determinato numero di concorrenti senza toccarli. Di contro non ci sarà alcun concessionario o show-room, né alcun corrispettivo in denaro, come premio per le vostre vittorie, da spendere nell'acquistare i vostri bolidi preferiti. Questi invece verranno sbloccati ad ogni vostro successo nel proseguo del completamento del gioco.

Non c'è quindi nessuna valvola di sfogo per i collezionisti più accaniti, così come il titolo non ha subito alcun ibridamento da parte di altri generi, come è accaduto ad esempio a Need For Speed 2 con GTA. E' un arcade purosangue.
E tale si dimostra, non solo nella struttura di gioco ma anche nel modello di guida e nella fisica delle vetture. Prendere confidenza fin da subito con la vettura è facilissimo, persino per i più inesperti. Però, se da un lato abbiamo molta immediatezza e giocabilità, dall'altro è sintomatico che il titolo non possa serbare grosse soddisfazioni sul lungo termine, soprattutto per coloro che sono invece appassionati o cultori di racing games con un po' di “carattere”. Tra una classe e l'altra si nota poco il cambiamento di comportamento delle autovetture e l'incentivo a rallentare e frenare per non andare a sbattere è davvero poco, visto che non solo non si manifesterà sul vostro bolide alcun tipo di danno, ma non si viene nemmeno rallentati più di tanto.
Ford Racing 3 - Immagine 9
Ford Racing 3 - Immagine 10
Ford Racing 3 - Immagine 11
Nei tornanti in particolare è meglio buttarsi a tutta velocità sulla barriera esterna, dato che ci penserà quest'ultima a reindirizzarvi sul rettilineo con una perdita di tempo molto minore di quanto una frenata e una giusta entrata in curva avrebbero richiesto. Non c'è poi da rallegrarsi se si passa ad esaminare l'IA degli avversari, praticamente inesistente. Gli avversari non tengono in considerazione la vostra presenza in gara se non raramente per sorpassarvi. Non è nemmeno contemplato l'”effetto scia”, se non in particolari gare in cui dovrete accodarvi agli avversari per un certo lasso di tempo, senza che questo modifichi però le prestazioni della vostra auto. Per questo motivo, a parte qualche sadica sportellata, a regalare maggiori soddisfazioni son quasi sempre le gare in solitaria contro il tempo (con l'aggiunta di qualche particolare originale).

Ma almeno mi rifaccio gli occhi?
Graficamente il titolo presenta alti e bassi. Uno sguardo generale al panorama, suggerisce una qualità sufficiente con una buona rappresentazione dei tracciati (di pura invenzione e, a dir la verità, non molto ispirati) e una pulizia grafica piacevole. Le auto invece non sono poi così definite, sono massicce ma con una quantità forse insoddisfacente di poligoni. Un appassionato di Ford che acquisti questo titolo potrebbe rimanere deluso da questo aspetto, mentre invece a chi non presta troppa attenzione a questi particolari la qualità grafica potrebbe risultare soddisfacente. La fluidità non è male, ma c'è da dire che l'impressione di velocità non è di certo impressionante e questo senza che sia presente su schermo chissà quale effetto grafico o performance tecnica che faccia brillare le pupille. Persino dal punto di vista sonoro non c'è di che esultare. Il rombo del motore è percepibile con difficoltà e anche fosse più alto non esalterebbe certo per il suono prodotto. Ma allora, per quale motivo dovreste risparmiare qualche euro per questo titolo? Validi motivi, soprattutto nel caso in cui gli euro siano tanti e non pochi quanto una fascia low-budget pretenderebbe, non è che ce ne siano. Forse potrebbe esser apprezzato da chi ad un gioco di guida non richiede particolare severità o simulazione, ma solo semplice ed immediato divertimento con poco impegno. Per gli appassionati del genere invece il titolo potrebbe risultare, oltre che poco profondo e poco appagante, anche un tantino corto visto che il livello di sfida non è poi così elevato. Quindi se siete amanti dei racing games, avete davvero finito tutti gli altri giochi presenti in commercio a tal punto di aver bisogno anche di questo? E se non siete appassionati di racing games e volete cimentarvi, perché partire proprio da qui? Il gioco non è realmente indecente, ma è davvero difficile trovare a chi consigliarlo!
Ford Racing 3 - Immagine 5
Ford Racing 3 - Immagine 6
Ford Racing 3 - Immagine 7
5,5
In mezzo a tante prime scelte arrivate in questi ultimi mesi nel settore dei racing games si affaccia questo nuovo capitolo di questa serie non molto conosciuta. Difficile credere che possa contrastare gli altri titoli di questa categoria anche se un approccio Arcade votato al puro ed immediato divertimento potrebbe solleticare la voglia di guida di un pubblico poco esigente che non desidera tamarrare le auto all'inverosimile o lanciarle in scontri all'ultima frantumazione. In tal caso merita un'occhiata, anche se sfuggevole.
voto grafica7
voto sonoro5
voto gameplay5,5
voto durata6
0 commenti