Tiscali
Non perderti la diretta la diretta

Recensione Asphalt 3D

Ubisoft e Gameloft ci fanno mordere l'asfalto in profondità
Tommaso Alisonno Di Tommaso Alisonno(4 aprile 2011)
Storica serie del marchio Ubisoft, Asphalt non avrebbe potuto certo mancare al lancio della nuova console Nintendo, il 3DS, per la quale la casa Francese ha più volte dichiarato, ed in effetti sta dimostrando coi fatti, di voler puntare molto. Asphalt 3D, dicevamo: gioco di gare dalle tinte fortemente arcade, che fa dell'immediatezza il suo cavallo di battaglia per prendere il giocatore per mano, sbatterlo alla guida di un rombante bolide a quattro (o perché no due) ruote e senza troppi giri di parole mandarlo a farsi un giro sull'asfalto.
Asphalt 3D - Immagine 3
La resa grafica non è male, perlomeno finché non ci sono contatti
Asphalt 3D - Immagine 4
Imparare a sgommare è il metodo migliore per accumulare Nitro
Asphalt 3D - Immagine 5
In tutti i tracciati saranno presenti biforcazioni e scorciatoie
Tutto questo per dire che una volta scelta la vostra fedele vettura, con un elenco da principio limitato a tre modelli ma che in seguito crescerà fino a oltre 40, non avrete altri settaggi da configurare se non la modalità di gioco. La principale di queste è sicuramente la carriera SinglePlayer, strutturata in una serie di 14 campionati, ciascuno comprendente 4 prove da superare per accedere al successivo - una quinta prova, extra, si renderà altresì disponibile al superamento delle 4 standard per permettervi di accumulare ulteriore denaro ed esperienza.

Va da sé che il denaro sarà necessario per acquistare nuove vetture e/o potenziamenti al motore, alle sospensioni, alla nitro, in generale alle prestazioni del veicolo, ma sarà l'esperienza accumulata ed il livello corrispondente ottenuto a stabilire, volta per volta, quali vetture e upgrade saranno disponibili al negozio. Le prove potranno andare dalla classica gara, al time trial, a eventi più originali, come il  Drift in cui cercare di accumulare punti effettuando derapate, o le corse ad inseguimento in cui è necessario sbattere contro le barriere gli avversari, o viceversa non farsi eliminare dalla polizia.

Il sistema di gioco si basa su tre soli comandi: l'acceleratore, il freno - con il quale si può anche cominciare o interrompere una derapata - e il comando per l'uso della nitro. Quest'ultima si accumula effettuando sgommate, sorpassi al limite o semplicemente raccogliendo le apposite icone disseminate sul circuito: se ne può spendere una piccola frazione in qualsiasi momento per ottenere un rapido sprint, ma se si riesce ad accumularla al massimo è possibile utilizzarla tutta in un'unica soluzione. In questo caso si ottiene la cosiddetta “ipervelocità”, durante la quale il tracciato si ottenebra e delle file di neon rosse e gialle limitano il percorso (dandogli un aspetto che ricorda molto TRON della Disney).

Asphalt 3D - Immagine 1
Non solo auto per Asphalt
Asphalt 3D - Immagine 2
Ecco l'effetto ipervelocità


Oltre ai power-up di Nitro, lungo il tracciato sarà possibile raccogliere denaro extra oppure dei potenziamenti che ripareranno il nostro veicolo da eventuali danni, con relativo calo di prestazioni, scaturiti dagli incidenti. Le altre modalità presenti ricalcano fondamentalmente le medesime offerte dalla carriera, ma in formato evento singolo. Nel time trial il gioco fa uso dei cosiddetti “ghost”, ovvero immagini della migliore prestazione ottenuta: mediante l'opzione StreetPass del 3DS sarà possibile sostituire i propri Ghost con quelli delle persone con cui si verrà in contatto, se migliori. Il MultiPlayer è disponibile esclusivamente in connessione diretta (niente internet) fino a 6 giocatori contemporaneamente.

Tecnicamente, Asphalt 3D presenta un buon colpo d'occhio, con i modelli delle auto piuttosto simili alla realtà e piacevolmente dettagliate dalla visuale in 3D. Il colpo d'occhio continua nelle prime gare sul circuito di Aspen, sebbene già si comincino a notare soluzioni tecniche antiquate quali linee di demarcazione stradale segmentate, o modelli dei mezzi del traffico decisamente più semplici di quelli dei racers. Le vere delusioni avvengono nei contatti, nei salti e negli incidenti: il comportamento dei mezzi è assolutamente irreale, durante i contrasti le auto scattano intorno ad un asse immaginario che certamente non è bello a vedersi, e i contatti contro il muro sono quanto meno opinabili.

Infine, nelle situazioni più caotiche o in certi specifici tracciati abbiamo registrato un sistematico calo del frame rate, che permane anche eliminando l'effetto 3D (a dimostrazione che la console svolge comunque il doppio lavoro). Giudizio un po' più entusiasta, ma senza sbilanciarsi troppo, per il sonoro: diciamo che sono presenti diverse musiche di accompagnamento, ma che molte di queste sono proposte con refrain un po' troppo brevi, o in generale con arrangiamenti un po' troppo elettronici, da non risultare ripetitive dopo un giro-un giro e mezzo di pista. Discreto il rombo dei motori e il suono delle sgommate, ma abbastanza anonimi gli altri effetti sonori. La voce fuori campo è disponibile solo in Inglese: sebbene tutti i testi siano disponibili in Italiano, dovremo rinunciare alla descrizione dei vari circuiti.

Le prime gare con Asphalt 3D servono fondamentalmente per prendere la mano alle reazioni della macchina, dopodiché vincere diventa quasi una routine, sebbene una disattenzione o un incidente all'ultimo giro porti con relativa certezza ad una sconfitta. Le cose si complicano un po' nelle modalità differenti, come drift o inseguimento, in cui probabilmente avrete bisogno di un po' di gavetta per trionfare. In generale Asphalt 3D riesce a fornire un divertimento abbastanza semplice, senza pretese, ma anche senza alcun picco di qualità. I circuiti, gli eventi e le vetture a disposizione non sono pochi, pertanto la longevità è discreta, ma si tratta comunque di un titolo per i meno esigenti.
Asphalt 3D - Immagine 6
Quando arriveremo a guidare simili bolidi, il gioco si farà più aggressivo
Asphalt 3D - Immagine 7
I percorsi non saranno pochi
Asphalt 3D - Immagine 8
Poteva mancare la città eterna?
5,5
Asphalt 3D è in grado di regalare diverse ore di divertimento, a patto però di “staccare il cervello” e prenderlo per quello che è, ossia un gioco di corse arcade (che più arcade non si può) che cela dietro ad uno sfavillante paravento in 3D,  novità della piattaforma, una realizzazione frettolosa e non scevra di difetti. Ad ogni modo i numerosi campionati, il buon numero di veicoli e di circuiti e le varie modalità disponibili potranno divertire per qualche tempo i meno esigenti, meglio ancora se con una manciata di amici con cui giocare in connessione locale.
voto grafica4,5
voto sonoro6
voto gameplay6
voto durata7

Asphalt 3D

Asphalt 3D 3DS Cover
Empire
Locke & Key

5

Locke & Key

La magia è la chiave del nuovo teen drama targato Netflix

Luna Nera

4

Luna Nera

Streghe e cacciatori in un (mediocre) fantasy tutto italiano

A Discovery of Witches

3

A Discovery of Witches

Anticipazioni e informazioni sulla nuova serie in onda su Sky

Star Trek: Picard

4

Star Trek: Picard

Il ritorno inaspettato di Patrick Stewart in uniforme

The New Pope

2

The New Pope

I primi intrecci che coinvolgeranno il papato della nuova serie di Sorrentino

Empire
Journey to the Savage Planet

7

Journey to the Savage Planet

La colonizzazione non è mai stata così divertente

Warcraft Reforged

7

Warcraft Reforged

Il passo falso di Blizzard Entertainment

Thronebreaker: The Witcher Tales

6

Thronebreaker: The Witcher Tales

Scarta un asso per il tuo Witcher!

Ash of Gods: Redemption

3

Ash of Gods: Redemption

Buka Entertainment e Ravenscourt hanno dato vita ad un nuova stirpe di RPG a turni