Tiscali

Jade Raymond e i Motion Controller

Per la boss di Ubisoft Toronto, l'importanza del concept

Di Tommaso Alisonno (26 luglio 2012 - 10:40)
Jade Raymond e i Motion Controller

Jade Raymond, boss di Ubisoft Toronto, in una recente intervista rilasciata a Official Xbox Magazine UK, ha parlato dell'importanza delle periferiche motion control e di quali implementazioni vorrebbe nei giochi.




"Essendo principalmente una giocatrice hardcore - dichiara la Raymond - voglio vedere questa roba integrata nei giochi hardcore in modo che li renda migliori, perché per quanto possano essere divertenti non gioco ai titoli di fitness - non mi ci vedo proprio. Mi piacerebbe potermi inclinare e sbirciare dietro l'angolo e integrare movimenti più naturali. La tecnologia per fare queste cose non c'è ancora, ma spero ci sia presto."




La sviluppatrice ha poi dichiarato di essere una fan di Star Trek e di sperare di vedere un giorno dei giochi a livello di "ponte ologrammi", specie sottoforma di esperienze naturali ed immersive che rimuovano le barriere verso un'audience più vasta: "Le persone che eppure hanno giocato quando si trattava di usare un grosso bottone rosso e una levetta, ora non possono giocare: devi padroneggiare bottoni frontali, lateriali, trigger e questi fanno tutti cose diverse, quindi ovviamente non raggiungeremo mai il mercato di massa coi controller; per questo motivo Kinect e altri sistemi più naturali di interazione coi giochi sono incredibilmente importanti. Penso che possiamo andare oltre."



Empire
Empire
Un Amico Straordinario
Un Amico Straordinario

Una stravagante, a tratti surreale, condanna alla rabbia

Birds of Prey  (e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn)

3

Birds of Prey (e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn)

Vi raccontiamo l'emancipazione di Harley Quinn

Dolittle

2

Dolittle

Il regno animale prende la parola.

1917
1917

Realtà o finzione? La storia e la fantasia degli autori si mescolano per raccontare una vicenda di grande umanità.

1917
1917

Il film di Sam Mendes sulla Grande Guerra lascia tutti a bocca aperta e fissa nuovi paradigmi per il cinema di genere che verrà.