Pagina 21 di 26 PrimaPrima ... 111920212223 ... UltimaUltima
Risultati da 201 a 210 di 258
  1. #201
    Senior Member L'avatar di Grifis
    Data Registrazione
    Mon Aug 2007
    Località
    Genova
    Messaggi
    3,797

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Lu
    Se è capitato a te non significa che sia così per tutti, la maggior parte dei laureati in lettere proviene da licei (classico , scientifico, linguistico ecc) e questo è un dato di fatto.
    Inequivocabile, per giunta.

    Citazione Originariamente Scritto da Lu
    chi non fa il liceo è sottoposto ad una pressione di studio minore, a materie più pragmatiche, coincise e sterili. Inoltre non dovendosi dedicare molto all'approfondimento di materie umanistiche (che bisogna studiare e non capire) non è abituato ad usare le capacità mnemoniche in maniera ampia, ad esporre e tante altre cose che invece al liceo si fanno per anni.
    Improprie generalizzazioni. L'insieme rappresentante coloro i quali hanno deciso di non iscriversi al Liceo è eufemisticamente eterogeneo, decisamente troppo per essere citato senza alcuna precisazione.
    La mia esperienza mi consente di descrivere il panorama presente all'interno di un Istituto Tecnico. Il biennio fornisce una vasta preparazione, in particolare nelle materie umanistiche. A presiedere il consiglio di classe è sempre il docente di Lettere, insegnamento che la fa sicuramente da padrone nel corso dei primi due anni. I trienni si diversificano non poco. Quando scelsi l'IGEA (Indirizzo-Giuridico-Economico-Aziendale) non avrei mai immaginato che la presenza dell'area umanistica sarebbe stata così preponderante, sia a livello numerico che qualitativo. Ovviamente il maggior numero di ore era dedicato a ragioneria; tuttavia ricordo come, per esempio, ve ne fossero più di italiano/storia che di matematica. Mi rendo perfettamente conto di come sia doveroso soggettivare l'analisi (che non può prescindere dal valore dei singoli docenti, capaci di stimolare interessi al di là della tipologia dell'Istituto); tuttavia non trovo opportuno ribadire i soliti luoghi comuni senza magari conoscere appieno la realtà della quale si sta dibattendo.
    Tengo a sottolineare quella che può essere opportunamente catalogata come una vera e propria inversione di tendenza; negli ultimi tre anni la Facoltà di Lettere e Filosofia di Genova ha registrato un numero di iscritti provenienti da realtà extraliceali quasi doppio rispetto al precedente triennio. Onde esser travisato, non sto affatto sostenendo che nel breve periodo assisteremo ad un esodo di massa; volevo soltanto rassicurare qualche diciottenne di DBA che il tuo post di replica a Garrincha avrebbe anche potuto traumatizzare un po' .
    Ultima modifica di Grifis; 30-06-2008 alle 22:19

  2. #202
    Burn the Witch L'avatar di Lu
    Data Registrazione
    Tue Sep 2006
    Località
    Dun Aengus
    Messaggi
    1,606

    Predefinito

    Quale parte di "la tua esperienza personale non ci interessa poichè non rappresenta la totalità della situazione " e " ci sono le dovute eccezioni" non ti è chiara?

    Puoi per piacere postare qualche fonte dei dati sull'inversione di tendenza dell'università di Genova?
    Dato che sei così sicuro di ciò che dici potrai testimoniarlo, giusto?
    Ovviamente link, non cose che hai scritto tu eh..


    EDIT: non esistono 18enni traumatizzati stai tranquillo, non sono neanche così deficienti da interpretare un post come se fosse il nuovo testamento o un assioma
    Ultima modifica di Lu; 30-06-2008 alle 22:35

  3. #203
    Senior Member L'avatar di Grifis
    Data Registrazione
    Mon Aug 2007
    Località
    Genova
    Messaggi
    3,797

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Lu
    Sta di fatto che esempi come il tuo sono minori in quantità rispetto a curricula scolastici che procedono su una stessa linea già a partire dal liceo... è così difficile da capire?

    Occorre schema? Dato ISTAT? Puntata dei Teletubbies a tema?
    Citazione Originariamente Scritto da Lu
    Poi oh, se vuoi capire che non si parlava del totale dei diplomati capisci, altrimenti se non ci arrivi evidentemente sta laurea l'hai presa al CEPU
    Citazione Originariamente Scritto da Lu
    Cavolo, ma ci vuole tanto a capire che la tua esperienza personale non rappresenta la stragrande maggioranza dei casi?
    Se è capitato a te non significa che sia così per tutti, la maggior parte dei laureati in lettere proviene da licei (classico , scientifico, linguistico ecc) e questo è un dato di fatto. Ciò non esclude che un ragioniere possa ugualmente laurearsi in lettere, ma è MENO consueto. Non ho detto IMPOSSIBILE, ma MENO CONSUETO. Capito ora?
    Citazione Originariamente Scritto da Lu
    Quale parte di "la tua esperienza personale non ci interessa poichè non rappresenta la totalità della situazione " e " ci sono le dovute eccezioni" non ti è chiara?
    Non credo che l'erezione di una barriera volta al consolidamento delle verità precedentemente professate nonchè al rifiuto di comprendere il punto di vista dell'interlocutore in virtù un supponente canovaccio che, oltre a rappresentare un paradigma di dubbio gusto, imprigiona il dibattito in un'avvilente ristagnazione, possa essere considerata una scelta opportuna.

    Al conseguimento della licenza media inferiore, qualsiasi ragazzo/a si trova costretto/a a prendere, di norma antecedentemente al compimento del quattordicesimo anno di età, una decisione che potrebbe anche riverlarsi decisiva per il proprio percorso professionale. Al fine di ridurre le possibilità di errore, il consiglio di classe elargisce il celeberrimo consiglio formativo (del quale sono sempre stato esplicito detrattore [pur apprezzando il lodevole interesse di figure precarie e sottopagate] in virtù dell'oggettiva impossibilità, causa la semplicità dei vari programmi, di manifestare una spiccata predisposizione per un determinato indirizzo), che, almeno ai miei tempi, non godette di eccezionale riscontro. Un adolescente piuttosto sveglio non impiegherà più di qualche mese ad intuire la validità, o meno, della scelta effettuata. Ribadisco quanto già detto.

    Citazione Originariamente Scritto da Grifis
    L'insieme rappresentante coloro i quali hanno deciso di non iscriversi al Liceo è eufemisticamente eterogeneo, decisamente troppo per essere citato senza alcuna precisazione.
    L'indirizzo prettamente professionale esclude, quantomeno teoricamente, l'eventualità di un prosieguo degli studi. I più mirano unicamente ad acquisire la qualifica di turno, declinando l'invito a completare il percorso didattico.
    Un istituto magistrale fornisce un immediato riscontro lavorativo (sia per i tre che per i quattro anni). Coloro i quali optano per il curriculum psicopedagogico, della durata di cinque anni, scelgono, in linea di massima, di iscriversi alla corrispondente Facoltà Universitaria.
    Ben altra cosa è il livello degli Istituti Tecnici Commerciali, da non accomunare a quello degli ITIS.

    Citazione Originariamente Scritto da Grifis
    ricordo distintamente che non più tardi di otto anni fa si discuteva in merito ad un eventuale cambiamento di ragione sociale (si sarebbe optato per trasformarli in Licei Tecnici)
    Qualsiasi biennio di un QUALSIASI ITC è strutturato in questo modo:

    Citazione Originariamente Scritto da Grifis
    Il biennio fornisce una vasta preparazione, in particolare nelle materie umanistiche. A presiedere il consiglio di classe è sempre il docente di Lettere, insegnamento che la fa sicuramente da padrone nel corso dei primi due anni.
    I trienni, invece, forniscono la preparazione specifica che condurrà al Diploma. Il MERCURIO, ad esempio, fornisce alle aziende figure capaci di gestire il software standardizzato. Diversamente l'IGEA crea un ragioniere con una solida preparazione contabile. Come ho già precisato, tuttavia, all'interno di un QUALSIASI curriculum IGEA l'insegnamento di italiano/storia è numericamente subordinato alla sola Economia Aziendale.
    Conseguentemente decadono alcune sentenze elargite alla stregua di ineluttabili verità dogmatiche, sconfessate non da sparuti curricula ma dalla sostanziale differenza tra il reale stato delle cose ed una realtà dipinta in virtù del solo sentito dire.

    Torniamo al/alla ragazzo/a proiettato in una scuola media superiore.

    Ipotesi A

    Scelta azzeccata, grande interesse per le singole discipline; conseguenti riscontri. A differenza del triennio delle medie inferiori, in questo periodo ne verranno alla luce le particolari capacità, che non necessariamente coincideranno con gli insegnamenti portanti dell'Istituto. Anche perchè il peso specifico dei docenti, la capacità di trasmettere qualcosa che vada al di là del programma didattico può stimolare, nel giro di pochissimo tempo, interessi inaspettati. Conseguentemente un Diploma conseguito con un'ottima votazione può benissimo non tradursi affatto in una scelta universitaria consequenziale. I fattori in gioco sono molteplici; bypassarli significherebbe soltanto partorire la solita discussione basata sui consueti luoghi comuni.

    Ipotesi B

    Scelta difficile, imputabile sia ad un colpevole fraintendimento degli obiettivi formativi che ad una sorta di omologazione di massa (nella quale si può facilmente incorrere, soprattutto a quell'et&#224. Scarso interesse per quasi tutti gli insegnamenti, al quale fa seguito qualche bocciatura. Salvo rendersene conto per tempo (onde evitare di perdere due o tre anni, inesorabile fardello sul futuro CV), l'unica possibilità rimanente è quella di stringere i denti e raggiungere l'agoniata licenza (credo che ormai la terza media non possa soddisfare alcuno). Alla soglia dei 20 anni, l'Università potrebbe così rivelarsi semplice instrumentum per correggere il tiro.

    Come ben saprai, la scelta di una determinata Facoltà a scapito di un'altra può anche poggiare su motivazioni prettamente pragmatiche. Nel lontano 2001, la maggior parte dei miei compagni di classe scelse di iscriversi ad Economia; la motivazione non fu certo quella di dare continuità al proprio percorso didattico quanto piuttosto l'allettante prospettiva di potersi spavaldamente affacciare sul mondo del lavoro, in possesso della sola laurea triennale. Nel corso dei numerosi sopralluoghi ai vari Sporteli dello Studente che effettuammo, ricordo perfettamente come l'interesse mostrato fosse stato quasi sempre subordinato alla mera possibilità occupazionale. Un atteggiamento del genere porta innanzitutto ad un vastissimo numero di ritirati nel corso dei primi due anni; i più fortunati avranno la possibilità di parcheggiarsi anche oltre i 25, salvo poi scoprire di dover ringraziare, per aver trovato in ogni caso una sistemazione, unicamente il proprio cognome. Beninteso, se dovessi consigliare un neodiplomato, non gli nasconderei le difficoltà nelle quali versa una Facoltà come Lettere e Filosofia. Lo metterei al corrente dell'eufemisticamente irritante lunghezza dell'iter che è necessario seguire. Laureato in corso con il massimo dei voti, dovrebbe necessariamente frequentare la S.S.I.S. (altri due anni, nel corso dei quali verrebbe meno la possibilità [qualora ne avesse voglia ] di lavorare) per poi poter navigare bellamente nel precariato (ogni riferimento a persone, fatti o cose realmente accadute è puramente casuale ). Parimenti, non mi sentirei di sconsigliarlo dal seguire la propria passione.

    Citazione Originariamente Scritto da Lu
    Puoi per piacere postare qualche fonte dei dati sull'inversione di tendenza dell'università di Genova?
    Dato che sei così sicuro di ciò che dici potrai testimoniarlo, giusto?
    Immagino non ti basti l'opinione del futuro preside della Facoltà, con il quale, essendo stato mio referente in occasione delle Tesi Triennale e Specialistica, ho recentemente avuto modo di scambiare qualche parola. Ho anche controllato sul sito; l'ho ritrovato come lo avevo lasciato: lacunoso (fino all'anno scorso non vi erano nemmeno indicati tutti gli orari di ricevimento ). Cercherò di fornire la documentazione richiesta in altra maniera.

    Citazione Originariamente Scritto da Lu
    non esistono 18enni traumatizzati stai tranquillo, non sono neanche così deficienti da interpretare un post come se fosse il nuovo testamento o un assioma
    Chiedo scusa a tutti per avervi sottovalutato e mi auguro davvero che Lu abbia ragione.
    Ultima modifica di Grifis; 01-07-2008 alle 13:35

  4. #204
    Burn the Witch L'avatar di Lu
    Data Registrazione
    Tue Sep 2006
    Località
    Dun Aengus
    Messaggi
    1,606

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Grifis Visualizza Messaggio
    Immagino non ti basti l'opinione del preside della Facoltà, con il quale, essendo stato mio referente in occasione delle Tesi Triennale e Specialistica, ho recentemente avuto modo di scambiare qualche parola. Ho anche controllato sul sito; l'ho ritrovato come lo avevo lasciato: lacunoso (fino all'anno scorso non vi erano nemmeno indicati tutti gli orari di ricevimento ). Cercherò di fornire la documentazione richiesta in altra maniera.
    No che non mi fido non avendolo sentito con le mie orecchie, per quanto mi riguarda potresti esserti inventato tutto per rispondere al mio post

    La documentazione, se esiste uno studio su questa fantomatica inversione di tendenza, la puoi benissimo trovare in rete, aspetto

  5. #205
    Senior Member L'avatar di pasalvo
    Data Registrazione
    Sun Apr 2007
    Località
    Sicilia
    Messaggi
    1,387

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Lu Visualizza Messaggio
    No che non mi fido non avendolo sentito con le mie orecchie, per quanto mi riguarda potresti esserti inventato tutto per rispondere al mio post

    La documentazione, se esiste uno studio su questa fantomatica inversione di tendenza, la puoi benissimo trovare in rete, aspetto
    Sta diventando una lotta all'ultimo post

  6. #206
    Pensionato
    Data Registrazione
    Thu Jun 2006
    Messaggi
    4,615

    Predefinito

    Ne ha per tutti
    Per il resto, non partecipo a questa discussione che oggi mi va di scrollare bellamente.
    E c'è un motivo; finalmente si è conclusa la scuola, circa un'ora fa ho tenuto la sessione orale della maturità, e ho varcato per l'ultima volta la soglia di quell'istituto delle fattezze tipiche del Bauhaus e con un'organizzazione interna degna dell'Hitler dei bei tempi.

    Son finite le superiori, periodo davvero buoi per quanto mi riguarda, perchè ora, a ripensarci, salvo una accresciuta cultura generale, mi accorgo di non sapere una beneamata sega in linea di massima; e ora, basta, non ho voglia di far calcoli, non ho voglia di pensare all'uni e niente che abbia la scuola come argomento correlato. Stasera falò dei libri e sbornia nera.

    Ah, l'esame di maturità nel complesso è una cazzata allucinante, i professori che vi mettono pressione fin dall'inizio del quinto anno con la storia dell'esame son davvero dei pirla di grande caratura
    Almeno questo è valso per me che comunque quest'ultimo mese ho dovuto studiare tanto, troppo, e forse questo m'ha dato la sicurezza necessaria, oppure c'ho il carattere scandinavo.
    Detto questo, son finite le mie ferie da Mod e nelle ore di calura forse passerò a rompere la minchia, perchè io son come la dissenteria, dove passo io gli stronzi si squagliano.
    Ya-Hoo.

  7. #207
    imma a huge fahget L'avatar di sentinel
    Data Registrazione
    Sat Apr 2005
    Località
    Aperture Science Cooperative Test Initiative
    Messaggi
    7,806

    Predefinito

    Esame di terza media passato con Ottimo.
    Passiamo al classico *musica minacciosa*
    Forse quando rimarrà solo sale e terra e le stelle cadranno, ti sentirai a casa.

  8. #208
    Senior Member L'avatar di pasalvo
    Data Registrazione
    Sun Apr 2007
    Località
    Sicilia
    Messaggi
    1,387

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da sentinel Visualizza Messaggio
    Esame di terza media passato con Ottimo.
    Passiamo al classico *musica minacciosa*
    Complimenti per l'esame.

  9. #209
    Senior Member L'avatar di Grifis
    Data Registrazione
    Mon Aug 2007
    Località
    Genova
    Messaggi
    3,797

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Grifis
    Tengo a sottolineare quella che può essere opportunamente catalogata come una vera e propria inversione di tendenza; negli ultimi tre anni la Facoltà di Lettere e Filosofia di Genova ha registrato un numero di iscritti provenienti da realtà extraliceali quasi doppio rispetto al precedente triennio.
    Mi sembrava piuttosto evidente il fatto che non mi stessi riferendo ad una statistica precisa, supportata da studi in proposito. Inoltre non ho fatto accenno ad una realtà nazionale, limitandomi a riportare una considerazione fuori dai denti che continuo ad accreditare maggiormente, sia perchè conosco la competenza di chi l'ha espressa che perchè, più banalmente, riguarda maggiormente gli affaracci miei , rispetto a quest'indagine (giusto per fornire un supporto di massima [non contestualizzato a sufficienza, ma comunque tangibile riscontro alle mie parole]).

    http://www.diregiovani.it/gw/produce...px?id_doc=6103
    Ultima modifica di Grifis; 01-07-2008 alle 18:42

  10. #210
    Senior Member L'avatar di pasalvo
    Data Registrazione
    Sun Apr 2007
    Località
    Sicilia
    Messaggi
    1,387

    Predefinito

    In risposta alla questione sollevata da Lu e Grifis:

    In linea di massima la penso come Lu. Sicuramente una persona che ha frequetato il Liceo Classico è preparata a frequentare la facoltà di lettere all'università. Tuttavia, il ragazzo che ha in mano un diploma di maturità classica avrà qualche difficoltà ad affrontare la laurea di Ingegneria. Naturalemente questo è solo un pensiero logico, perchè ci posso essere state persone che frequantando l'ITIS hanno avuto il massimo dei voti in Lettere. Sul fatto della preparazione che le scuole offrono io penso che ormai tutti gli istituti offrono una preparazione base per affrontare determinate facoltà universitarie.

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •