Pagina 1 di 130 1231151101 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 1375

Discussione: Dragonball SP

Visualizzazione Ibrida

Messaggio precedente Messaggio precedente   Nuovo messaggio Nuovo messaggio
  1. #1
    Vegeta SSJ3 L'avatar di Dark Genius
    Data Registrazione
    Fri Oct 2007
    Messaggi
    1,906

    Predefinito Dragonball SP

    Salve a tutti lo so che sono appena iscritto a questo forum e che devo ancora farmi conoscere, ma lo seguo da molto tempo e ho letto svariate fanfiction, alcune delle quali mi sono piaciute davvero molto.
    Per questo volevo proporvi la mia, a cui sto pensando da molto tempo.

    Essa non prende in considerazione nè Dragonball Gt nè le ultime tre puntate di Dragonball Z. Inizia quindi dopo la festa a casa di Bulma per festeggiare la scomparsa di Majin Bu, precisamente sei mesi dopo la sua sconfitta sul pianeta dei Kaiohshin.

    Posterò il primo episodio stasera e se vi piacerà andrò avanti con gli altri. Auguro a tutti una buona lettura e spero che mi commenterete in molti. So di non essere assolutamente un artista, quindi mi farebbe piacere ricevere consigli e aiuti per migliorare.

    Grazie a tutti,
    Dark Genius

    CAPITOLO 1

    CAPITOLO 2

    CAPITOLO 3

    CAPITOLO 4

    CAPITOLO 5

    CAPITOLO 6

    CAPITOLO 7

    CAPITOLO 8
    Spoiler:

    CAPITOLO 9

    CAPITOLO 10

    CAPITOLO 11

    CAPITOLO 12

    CAPITOLO 13
    Spoiler:

    CAPITOLO 14

    CAPITOLO 15

    CAPITOLO 16

    CAPITOLO 17
    Spoiler:

    CAPITOLO 18

    CAPITOLO 19

    CAPITOLO 20
    Spoiler:

    CAPITOLO 21

    CAPITOLO 22

    CAPITOLO 23

    CAPITOLO 24
    Spoiler:

    CAPITOLO 25

    CAPITOLO 26

    CAPITOLO 27
    Spoiler:

    CAPITOLO 28

    CAPITOLO 29

    CAPITOLO 30

    CAPITOLO 31

    CAPITOLO 32

    CAPITOLO 33

    CAPITOLO 34

    CAPITOLO 35

    CAPITOLO 36

    CAPITOLO 37

    CAPITOLO 38

    CAPITOLO 39

    CAPITOLO 40

    CAPITOLO 41
    Spoiler:

    CAPITOLO 42
    Spoiler:

    CAPITOLO 43

    CAPITOLO 44
    Spoiler:

    CAPITOLO 45

    CAPITOLO 46

    CAPITOLO 47

    CAPITOLO 48
    Spoiler:

    CAPITOLO 49

    CAPITOLO 50

    CAPITOLO 51

    CAPITOLO 52

    CAPITOLO 53

    CAPITOLO 54

    CAPITOLO 55
    Ultima modifica di Dark Genius; 09-09-2008 alle 00:02

  2. #2
    Senior Member L'avatar di st jimmy90
    Data Registrazione
    Mon Sep 2007
    Località
    boh
    Messaggi
    432

    Predefinito

    Buona fortuna!
    PS: benvenuto
    "don't want to be an american idiot"

  3. #3
    Getsuga Tensho™ L'avatar di moon knight
    Data Registrazione
    Tue Sep 2007
    Località
    Seireitei™
    Messaggi
    3,724

    Predefinito

    Posta,sono curioso.


    La mia fan fic=Hikaru Chronicles

  4. #4
    Vegeta SSJ3 L'avatar di Dark Genius
    Data Registrazione
    Fri Oct 2007
    Messaggi
    1,906

    Predefinito

    LA FRUSTRAZIONE DI VEGETA

    Vegeta camminava lentamente nel buio, sentendo la pioggia battere sulla sua testa. Non vedeva niente davanti a sè, solo le gocce che cadevano con violenza sul terreno sottostante. Era vestito solo con una tuta nera smanicata, i suoi stivaletti e i suoi guanti bianchi, ma non aveva freddo e non lo infastidiva l’umidità dell’aria. Continuava a camminare senza meta, fissando il vuoto. Improvvisamente vide una luce davanti a sè e inizio a correre come un pazzo per raggiungere quel piccolo quadratino luminoso che si faceva sempre più grande man mano che si avvicinava. Non pensava a niente, correva e basta. Improvvisamente, a pochi metri dalla fonte della luce, rallentò e riprese a camminare. Dopo qualche secondo si accorse che essa era causata dalle aure di due individui dai capelli biondi e dagli occhi azzurri, attorno ai quali baluginavano delle scariche elettriche. Il primo era alto e vestito con una tuta arancione, mentre il secondo era più basso e vestito con un gilet aperto e dei pantaloni bianchi. Emettevano una potenza spaventosa ed entrambi lo guardavano con aria di sfida. Vegeta continuò ad avvicinarsi, finché improvvisamente i due individui davanti a lui non emisero un grido simultaneo e espansero la loro aura. Il sayan si coprì gli occhi per qualche secondo e quando tolse il braccio dal viso nel buio brillavano due aure ancora più forti e luminose delle precedenti e i due individui avevano dei capelli più lunghi e folti. Provò ad avvicinarsi ancora, ma i due portarono indietro le braccia e iniziarono a caricare un colpo. “Kamehame...” Vegeta espanse la sua aura e si trasformò rapidamente in supersayan di secondo livello per prepararsi a parare l'attacco, ma i due avversari erano molto più forti di lui... “HA!” gridarono all’unisono e due raggi di energia partirono verso il principe dei sayan, che cercò invano di proteggersi incrociando le braccia. Fissò un ultima volta i due avversari dai capelli d’oro, poi cadde all’indietro.

    Un grido squarciò la notte all’interno della Capsule Corporation. Bulma interruppe i suoi lavori nel laboratorio e corse di sopra, in camera da letto, dove Vegeta stava urlando a squarciagola. “Che succede? Vegeta!” gridò scuotendolo. Lui smise di gridare e cercò di rallentare il suo respiro affannoso. “Papà, cosa succede?” Il piccolo Trunks, il figlio di Bulma e Vegeta, era sbucato nell’ingresso della stanza e si stava stropicciando gli occhi assonnati.
    “Niente. Non succede assolutamente niente. Ora lasciatemi in pace.”
    Detto questo il principe dei sayan si alzò dal letto e uscì dalla stanza, dirigendosi verso la sua stanza d’allenamento.

    Qualche ora dopo, lontano da lì, una donna urlava furiosa: “Gohan, muoviti! Oggi hai una verifica a scuola, non devi fare tardi!”
    “Calmati, Chi Chi!” rispose una voce assonnata “Se per caso facesse tardi potrei portarlo io a Satan City con il teletrasporto, no?”
    “Ti pare il modo di abituare nostro figlio? Dargli tutte le comodità possibili?”
    “Eccomi mamma, sono pronto!” esclamò un ragazzo scendendo le scale.
    “Oh Gohan! Finalmente! Vai, forza, corri!”
    “Vado subito! Ciao mamma! Ciao papà!” salutò il sayan uscendo dalla porta e iniziando a volare a tutta velocità verso Satan City.
    “Per fortuna che non è come te, Goku... Lui un po’ di puntualità ce l’ha!” esclamò Chi Chi rimproverando il marito.
    “Suvvia tesoro, non esagerare... Comunque vado a prepararmi anch’io, oggi voglio andare al palazzo del supremo a salutare Junior e Dende!” rispose il sayan troncando la conversazione.
    “Va bene, va bene...” sospirò Chi Chi prima di pensare “Inutile illudersi! Non cambierà mai!”

    Intanto Vegeta era seduto per terra, con la schiena appoggiata al muro, nella sua stanza d’allenamento all’interno della Capsule Corporation, riflettendo sul suo incubo notturno: “Continuo a sognare quei maledetti supersayan di terzo livello ogni notte... Kakaroth e Gotenks... Mi sembra di essere tornato ai tempi in cui, non riuscendo a trasformarmi in supersayan, non riuscivo a togliermi dalla testa le immagini di Kakaroth e Trunks... Perchè non riesco a raggiungerli? Mi alleno ogni giorno duramente, non mi lascio un attimo di riposo... ma non basta... Perché?” Il sayan, frustato, si alzò e si diresse verso la porta, fuori dalla quale lo aspettavano Goten e Trunks.
    “Vi aspettavo... E’ l’ora del nostro allenamento”
    “Iniziamo subito?” chiese Goten impaziente.
    “Certo. Non voglio perdere un attimo di tempo” rispose Vegeta facendo entrare i due ragazzi nella stanza. Poi si mise in posizione di combattimento e aspettò che anche loro fossero pronti.
    “Pronto?” fece Trunks all’amico.
    “Pronto!” rispose Goten.
    “FU...SIO...NE!” gridarono all’unisono compiendo la danza Fusion.
    “Eccoci qui Vegeta... Gotenks il magnifico è arrivato!” esclamò il ragazzo nato dall’unione fra i due sayan, lo stesso che Vegeta aveva sognato quella notte, con lo stesso gilet aperto e gli stessi pantaloni bianchi.
    “Sei pronto?” chiese Vegeta senza far caso alla superbia dell’avversario.
    “Io sono nato pronto!” rispose prontamente Gotenks.
    “Lo vedremo!” gridò Vegeta partendo all’attacco con un pugno.
    Gotenks evitò l’attacco e si alzò in volo, dove lui e il principe dei sayan iniziarono a scambiarsi colpi formidabili. Lo scontro era alla pari e ognuno dei due combattenti riusciva a fermare quasi tutti gli attacchi dell’altro. Improvvisamente i due si divisero e aumentarono la loro aura, trasformandosi con un grido in supersayan.
    “Basta con il riscaldamento!” gridò Vegeta attaccando Gotenks con rinnovata potenza con un Ki Blast, prontamente respinto al mittente dal ragazzo. Il principe dei sayan però non ne fu per niente turbato e, schivato il colpo, si spostò a velocità incredibile dietro il suo avversario per bloccargli il busto con una morsa micidiale. Gotenks però non si lasciò catturare e scivolo via per allontanarsi rapidamente e prepararsi al suo prossimo attacco.
    “Lo scontro è interessante, come sempre” pensò Vegeta. Erano ormai mesi che lui e la fusione fra Trunks e Goten si allenavano insieme per diventare più forti. Forse era anche per questo che non riusciva a togliersi dalla testa il supersayan di terzo livello, ma pensava che vederlo quasi tutti i giorni non potesse che essergli utile. Voleva raggiungere Kakaroth, e ci sarebbe riuscito ad ogni costo. Per questo fissò il suo avversario negli occhi e tirò fuori tutta la sua potenza, preparandosi ad affrontare Super Gotenks di terzo livello.
    Se esiste un limite voglio raggiungerlo per poi superarlo...
    Commentate la mia Fanfiction: Dragonball SP
    http://img231.imageshack.us/img231/8022/vegetaas6.jpg

  5. #5
    Uomo Tigre
    Guest

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Dark Genius Visualizza Messaggio
    LA FRUSTRAZIONE DI VEGETA

    Vegeta camminava lentamente nel buio, sentendo la pioggia battere sulla sua testa. Non vedeva niente davanti a sè, solo le gocce che cadevano con violenza sul terreno sottostante. Era vestito solo con una tuta nera smanicata, i suoi stivaletti e i suoi guanti bianchi, ma non aveva freddo e non lo infastidiva l’umidità dell’aria. Continuava a camminare senza meta, fissando il vuoto. Improvvisamente vide una luce davanti a sè e inizio a correre come un pazzo per raggiungere quel piccolo quadratino luminoso che si faceva sempre più grande man mano che si avvicinava. Non pensava a niente, correva e basta. Improvvisamente, a pochi metri dalla fonte della luce, rallentò e riprese a camminare. Dopo qualche secondo si accorse che essa era causata dalle aure di due individui dai capelli biondi e dagli occhi azzurri, attorno ai quali baluginavano delle scariche elettriche. Il primo era alto e vestito con una tuta arancione, mentre il secondo era più basso e vestito con un gilet aperto e dei pantaloni bianchi. Emettevano una potenza spaventosa ed entrambi lo guardavano con aria di sfida. Vegeta continuò ad avvicinarsi, finché improvvisamente i due individui davanti a lui non emisero un grido simultaneo e espansero la loro aura. Il sayan si coprì gli occhi per qualche secondo e quando tolse il braccio dal viso nel buio brillavano due aure ancora più forti e luminose delle precedenti e i due individui avevano dei capelli più lunghi e folti. Provò ad avvicinarsi ancora, ma i due portarono indietro le braccia e iniziarono a caricare un colpo. “Kamehame...” Vegeta espanse la sua aura e si trasformò rapidamente in supersayan di secondo livello per prepararsi a parare l'attacco, ma i due avversari erano molto più forti di lui... “HA!” gridarono all’unisono e due raggi di energia partirono verso il principe dei sayan, che cercò invano di proteggersi incrociando le braccia. Fissò un ultima volta i due avversari dai capelli d’oro, poi cadde all’indietro.

    Un grido squarciò la notte all’interno della Capsule Corporation. Bulma interruppe i suoi lavori nel laboratorio e corse di sopra, in camera da letto, dove Vegeta stava urlando a squarciagola. “Che succede? Vegeta!” gridò scuotendolo. Lui smise di gridare e cercò di rallentare il suo respiro affannoso. “Papà, cosa succede?” Il piccolo Trunks, il figlio di Bulma e Vegeta, era sbucato nell’ingresso della stanza e si stava stropicciando gli occhi assonnati.
    “Niente. Non succede assolutamente niente. Ora lasciatemi in pace.”
    Detto questo il principe dei sayan si alzò dal letto e uscì dalla stanza, dirigendosi verso la sua stanza d’allenamento.

    Qualche ora dopo, lontano da lì, una donna urlava furiosa: “Gohan, muoviti! Oggi hai una verifica a scuola, non devi fare tardi!”
    “Calmati, Chi Chi!” rispose una voce assonnata “Se per caso facesse tardi potrei portarlo io a Satan City con il teletrasporto, no?”
    “Ti pare il modo di abituare nostro figlio? Dargli tutte le comodità possibili?”
    “Eccomi mamma, sono pronto!” esclamò un ragazzo scendendo le scale.
    “Oh Gohan! Finalmente! Vai, forza, corri!”
    “Vado subito! Ciao mamma! Ciao papà!” salutò il sayan uscendo dalla porta e iniziando a volare a tutta velocità verso Satan City.
    “Per fortuna che non è come te, Goku... Lui un po’ di puntualità ce l’ha!” esclamò Chi Chi rimproverando il marito.
    “Suvvia tesoro, non esagerare... Comunque vado a prepararmi anch’io, oggi voglio andare al palazzo del supremo a salutare Junior e Dende!” rispose il sayan troncando la conversazione.
    “Va bene, va bene...” sospirò Chi Chi prima di pensare “Inutile illudersi! Non cambierà mai!”

    Intanto Vegeta era seduto per terra, con la schiena appoggiata al muro, nella sua stanza d’allenamento all’interno della Capsule Corporation, riflettendo sul suo incubo notturno: “Continuo a sognare quei maledetti supersayan di terzo livello ogni notte... Kakaroth e Gotenks... Mi sembra di essere tornato ai tempi in cui, non riuscendo a trasformarmi in supersayan, non riuscivo a togliermi dalla testa le immagini di Kakaroth e Trunks... Perchè non riesco a raggiungerli? Mi alleno ogni giorno duramente, non mi lascio un attimo di riposo... ma non basta... Perché?” Il sayan, frustato, si alzò e si diresse verso la porta, fuori dalla quale lo aspettavano Goten e Trunks.
    “Vi aspettavo... E’ l’ora del nostro allenamento”
    “Iniziamo subito?” chiese Goten impaziente.
    “Certo. Non voglio perdere un attimo di tempo” rispose Vegeta facendo entrare i due ragazzi nella stanza. Poi si mise in posizione di combattimento e aspettò che anche loro fossero pronti.
    “Pronto?” fece Trunks all’amico.
    “Pronto!” rispose Goten.
    “FU...SIO...NE!” gridarono all’unisono compiendo la danza Fusion.
    “Eccoci qui Vegeta... Gotenks il magnifico è arrivato!” esclamò il ragazzo nato dall’unione fra i due sayan, lo stesso che Vegeta aveva sognato quella notte, con lo stesso gilet aperto e gli stessi pantaloni bianchi.
    “Sei pronto?” chiese Vegeta senza far caso alla superbia dell’avversario.
    “Io sono nato pronto!” rispose prontamente Gotenks.
    “Lo vedremo!” gridò Vegeta partendo all’attacco con un pugno.
    Gotenks evitò l’attacco e si alzò in volo, dove lui e il principe dei sayan iniziarono a scambiarsi colpi formidabili. Lo scontro era alla pari e ognuno dei due combattenti riusciva a fermare quasi tutti gli attacchi dell’altro. Improvvisamente i due si divisero e aumentarono la loro aura, trasformandosi con un grido in supersayan.
    “Basta con il riscaldamento!” gridò Vegeta attaccando Gotenks con rinnovata potenza con un Ki Blast, prontamente respinto al mittente dal ragazzo. Il principe dei sayan però non ne fu per niente turbato e, schivato il colpo, si spostò a velocità incredibile dietro il suo avversario per bloccargli il busto con una morsa micidiale. Gotenks però non si lasciò catturare e scivolo via per allontanarsi rapidamente e prepararsi al suo prossimo attacco.
    “Lo scontro è interessante, come sempre” pensò Vegeta. Erano ormai mesi che lui e la fusione fra Trunks e Goten si allenavano insieme per diventare più forti. Forse era anche per questo che non riusciva a togliersi dalla testa il supersayan di terzo livello, ma pensava che vederlo quasi tutti i giorni non potesse che essergli utile. Voleva raggiungere Kakaroth, e ci sarebbe riuscito ad ogni costo. Per questo fissò il suo avversario negli occhi e tirò fuori tutta la sua potenza, preparandosi ad affrontare Super Gotenks di terzo livello.

    Come tua prima FF questo capitolo iniziale è ben fatto
    Ci siamo con la lunghezza ma le descrizioni sono un pò povere, ti basi sui dialoghi ma questo è solo il primo capitolo,vedrò i prossimi.
    Bravo

  6. #6
    Vegeta SSJ3 L'avatar di Dark Genius
    Data Registrazione
    Fri Oct 2007
    Messaggi
    1,906

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Uomo Tigre Visualizza Messaggio
    Come tua prima FF questo capitolo iniziale è ben fatto
    Ci siamo con la lunghezza ma le descrizioni sono un pò povere, ti basi sui dialoghi ma questo è solo il primo capitolo,vedrò i prossimi.
    Bravo
    Grazie per il tanto atteso commento! Aspetto il tuo parere sugli altri capitoli!
    P.S. Spero di postarne uno nuovo a breve...
    Se esiste un limite voglio raggiungerlo per poi superarlo...
    Commentate la mia Fanfiction: Dragonball SP
    http://img231.imageshack.us/img231/8022/vegetaas6.jpg

  7. #7
    Uomo Tigre
    Guest

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Dark Genius Visualizza Messaggio
    Grazie per il tanto atteso commento! Aspetto il tuo parere sugli altri capitoli!
    P.S. Spero di postarne uno nuovo a breve...
    Prego come ti ho già detto mi piace leggere le FF e con un pò di pazienza recupererò anche i precedenti capitoli.

  8. #8
    Senior Member L'avatar di Creed
    Data Registrazione
    Sat Jun 2007
    Località
    Midgar
    Messaggi
    6,556

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Dark Genius Visualizza Messaggio
    LA FRUSTRAZIONE DI VEGETA

    Vegeta camminava lentamente nel buio, sentendo la pioggia battere sulla sua testa. Non vedeva niente davanti a sè, solo le gocce che cadevano con violenza sul terreno sottostante. Era vestito solo con una tuta nera smanicata, i suoi stivaletti e i suoi guanti bianchi, ma non aveva freddo e non lo infastidiva l’umidità dell’aria. Continuava a camminare senza meta, fissando il vuoto. Improvvisamente vide una luce davanti a sè e inizio a correre come un pazzo per raggiungere quel piccolo quadratino luminoso che si faceva sempre più grande man mano che si avvicinava. Non pensava a niente, correva e basta. Improvvisamente, a pochi metri dalla fonte della luce, rallentò e riprese a camminare. Dopo qualche secondo si accorse che essa era causata dalle aure di due individui dai capelli biondi e dagli occhi azzurri, attorno ai quali baluginavano delle scariche elettriche. Il primo era alto e vestito con una tuta arancione, mentre il secondo era più basso e vestito con un gilet aperto e dei pantaloni bianchi. Emettevano una potenza spaventosa ed entrambi lo guardavano con aria di sfida. Vegeta continuò ad avvicinarsi, finché improvvisamente i due individui davanti a lui non emisero un grido simultaneo e espansero la loro aura. Il sayan si coprì gli occhi per qualche secondo e quando tolse il braccio dal viso nel buio brillavano due aure ancora più forti e luminose delle precedenti e i due individui avevano dei capelli più lunghi e folti. Provò ad avvicinarsi ancora, ma i due portarono indietro le braccia e iniziarono a caricare un colpo. “Kamehame...” Vegeta espanse la sua aura e si trasformò rapidamente in supersayan di secondo livello per prepararsi a parare l'attacco, ma i due avversari erano molto più forti di lui... “HA!” gridarono all’unisono e due raggi di energia partirono verso il principe dei sayan, che cercò invano di proteggersi incrociando le braccia. Fissò un ultima volta i due avversari dai capelli d’oro, poi cadde all’indietro.

    Un grido squarciò la notte all’interno della Capsule Corporation. Bulma interruppe i suoi lavori nel laboratorio e corse di sopra, in camera da letto, dove Vegeta stava urlando a squarciagola. “Che succede? Vegeta!” gridò scuotendolo. Lui smise di gridare e cercò di rallentare il suo respiro affannoso. “Papà, cosa succede?” Il piccolo Trunks, il figlio di Bulma e Vegeta, era sbucato nell’ingresso della stanza e si stava stropicciando gli occhi assonnati.
    “Niente. Non succede assolutamente niente. Ora lasciatemi in pace.”
    Detto questo il principe dei sayan si alzò dal letto e uscì dalla stanza, dirigendosi verso la sua stanza d’allenamento.

    Qualche ora dopo, lontano da lì, una donna urlava furiosa: “Gohan, muoviti! Oggi hai una verifica a scuola, non devi fare tardi!”
    “Calmati, Chi Chi!” rispose una voce assonnata “Se per caso facesse tardi potrei portarlo io a Satan City con il teletrasporto, no?”
    “Ti pare il modo di abituare nostro figlio? Dargli tutte le comodità possibili?”
    “Eccomi mamma, sono pronto!” esclamò un ragazzo scendendo le scale.
    “Oh Gohan! Finalmente! Vai, forza, corri!”
    “Vado subito! Ciao mamma! Ciao papà!” salutò il sayan uscendo dalla porta e iniziando a volare a tutta velocità verso Satan City.
    “Per fortuna che non è come te, Goku... Lui un po’ di puntualità ce l’ha!” esclamò Chi Chi rimproverando il marito.
    “Suvvia tesoro, non esagerare... Comunque vado a prepararmi anch’io, oggi voglio andare al palazzo del supremo a salutare Junior e Dende!” rispose il sayan troncando la conversazione.
    “Va bene, va bene...” sospirò Chi Chi prima di pensare “Inutile illudersi! Non cambierà mai!”

    Intanto Vegeta era seduto per terra, con la schiena appoggiata al muro, nella sua stanza d’allenamento all’interno della Capsule Corporation, riflettendo sul suo incubo notturno: “Continuo a sognare quei maledetti supersayan di terzo livello ogni notte... Kakaroth e Gotenks... Mi sembra di essere tornato ai tempi in cui, non riuscendo a trasformarmi in supersayan, non riuscivo a togliermi dalla testa le immagini di Kakaroth e Trunks... Perchè non riesco a raggiungerli? Mi alleno ogni giorno duramente, non mi lascio un attimo di riposo... ma non basta... Perché?” Il sayan, frustato, si alzò e si diresse verso la porta, fuori dalla quale lo aspettavano Goten e Trunks.
    “Vi aspettavo... E’ l’ora del nostro allenamento”
    “Iniziamo subito?” chiese Goten impaziente.
    “Certo. Non voglio perdere un attimo di tempo” rispose Vegeta facendo entrare i due ragazzi nella stanza. Poi si mise in posizione di combattimento e aspettò che anche loro fossero pronti.
    “Pronto?” fece Trunks all’amico.
    “Pronto!” rispose Goten.
    “FU...SIO...NE!” gridarono all’unisono compiendo la danza Fusion.
    “Eccoci qui Vegeta... Gotenks il magnifico è arrivato!” esclamò il ragazzo nato dall’unione fra i due sayan, lo stesso che Vegeta aveva sognato quella notte, con lo stesso gilet aperto e gli stessi pantaloni bianchi.
    “Sei pronto?” chiese Vegeta senza far caso alla superbia dell’avversario.
    “Io sono nato pronto!” rispose prontamente Gotenks.
    “Lo vedremo!” gridò Vegeta partendo all’attacco con un pugno.
    Gotenks evitò l’attacco e si alzò in volo, dove lui e il principe dei sayan iniziarono a scambiarsi colpi formidabili. Lo scontro era alla pari e ognuno dei due combattenti riusciva a fermare quasi tutti gli attacchi dell’altro. Improvvisamente i due si divisero e aumentarono la loro aura, trasformandosi con un grido in supersayan.
    “Basta con il riscaldamento!” gridò Vegeta attaccando Gotenks con rinnovata potenza con un Ki Blast, prontamente respinto al mittente dal ragazzo. Il principe dei sayan però non ne fu per niente turbato e, schivato il colpo, si spostò a velocità incredibile dietro il suo avversario per bloccargli il busto con una morsa micidiale. Gotenks però non si lasciò catturare e scivolo via per allontanarsi rapidamente e prepararsi al suo prossimo attacco.
    “Lo scontro è interessante, come sempre” pensò Vegeta. Erano ormai mesi che lui e la fusione fra Trunks e Goten si allenavano insieme per diventare più forti. Forse era anche per questo che non riusciva a togliersi dalla testa il supersayan di terzo livello, ma pensava che vederlo quasi tutti i giorni non potesse che essergli utile. Voleva raggiungere Kakaroth, e ci sarebbe riuscito ad ogni costo. Per questo fissò il suo avversario negli occhi e tirò fuori tutta la sua potenza, preparandosi ad affrontare Super Gotenks di terzo livello.
    Bell'inizio, finalmente ho avuto tempo per leggere DBSP, la trama è già interessante, il pezzo iniziale dove Vegeta corre sotto la pioggia è stato davvero magnifico, i combattimenti, le descrizioni e i dialoghi sono scritti perfettamente, e una cosa che ho trovato positiva è la splendida scorrevolezza del testo.
    Conto di leggerla tutta, bravissimo!
    ''Ora il mondo è sottosopra, e sto precipitando in mezzo alle nuvole...''
    Someday the dream will end

  9. #9
    Vegeta SSJ3 L'avatar di Dark Genius
    Data Registrazione
    Fri Oct 2007
    Messaggi
    1,906

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Creed Visualizza Messaggio
    Bell'inizio, finalmente ho avuto tempo per leggere DBSP, la trama è già interessante, il pezzo iniziale dove Vegeta corre sotto la pioggia è stato davvero magnifico, i combattimenti, le descrizioni e i dialoghi sono scritti perfettamente, e una cosa che ho trovato positiva è la splendida scorrevolezza del testo.
    Conto di leggerla tutta, bravissimo!
    Se ti è piaciuto così tanto il primo capitolo impazzirai per gli altri... Sono uno di quegli scrittori che migliora davvero tanto andando avanti... XD Grazie mille, Creed! Secondo me riuscirai a metterti in pari!
    EDIT: Forse oggi posto!
    Se esiste un limite voglio raggiungerlo per poi superarlo...
    Commentate la mia Fanfiction: Dragonball SP
    http://img231.imageshack.us/img231/8022/vegetaas6.jpg

  10. #10
    Vegeta SSJ3 L'avatar di Dark Genius
    Data Registrazione
    Fri Oct 2007
    Messaggi
    1,906

    Predefinito

    Ecco il primo capitolo! Che ne pensate? Vi aspetto in molti!

    EDIT(dopo quasi 2 ore): Ehm... Mi aspettavo commenti, magari negativi, ma... commenti..
    Ultima modifica di Dark Genius; 19-10-2007 alle 22:25
    Se esiste un limite voglio raggiungerlo per poi superarlo...
    Commentate la mia Fanfiction: Dragonball SP
    http://img231.imageshack.us/img231/8022/vegetaas6.jpg

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •