Pagina 5 di 7 PrimaPrima ... 34567 UltimaUltima
Risultati da 41 a 50 di 64
  1. #41
    Senior Member L'avatar di Grifis
    Data Registrazione
    Mon Aug 2007
    Località
    Genova
    Messaggi
    3,783

    Predefinito

    Le parole di Lorenzo a fine gara, ancora più della sua espressione durante le varie interviste, restituiscono perfettamente il senso dell'obbrobrio che si è verificato.

    Marquez è stato semplicemente vergognoso; una roba che (giustamente) non si cancellerà mai dalla memoria di chi questo sport lo ama per davvero.

    Non serve essere fan del pilota più forte del motociclismo moderno (ed io personalmente non lo sono mai stato) e non è nemmeno necessario essere mai saliti saliti su una moto per capire cosa sia successo domenica scorsa.

    A Rossi, come acutamente sottolineato dall'autore del video, si può imputare una decisione completamente errata, ovvero quella di cercare di destabilizzare l'avversario, cercando di smascherare ciò che secondo lui era stato ordito ai suoi danni.

    Vabbé, diciamo pure che il "secondo lui" ormai è roba che neppure l hater più accanito metterebbe più in discussione; effettivamente, come ricordato sempre nel video, proprio perché ne rappresenta il naturale passaggio di consegne, era inevitabile che Marquez avrebbe corso contro di lui.

    E' però eufemisticamente probabile che dandogli del venduto in mondovisione, pur con una previdenza che oggi e' ancora più sorprendente, non abbia migliorato la situazione

    Dispiace davvero che si sia chiusa la stagione in questo modo.

    Anche perché alle scimmie oligoceniche che da sempre tifano per Rossi "perché sì, perché fantasy" (quelli che, per intenderci, tirano fuori le foto di Lorenzo e Biaggi, sottolineando cose talmente ovvie da non meritare nemmeno un'implementazione e che, soprattutto, non tengono minimamente in considerazione il rapporto esistente tra i due), non si può ovviamente chiedere di cercare di soffermarsi per un istante sui meriti, evidentissimi, del maiorchino (quasi sempre più veloce del proprio compagno di squadra), esattamente come è impresa eufemisticamente ardua ricordare ai detrattori di Rossi che, prima di Phillip Island, il 46 era in testa al campionato con un vantaggio di 18 punti.

    Il centro di tutta 'sta merda è un pilota enormemente sopravvalutato, ma che soprattutto ha dimostrato di essere un omino piccolo, piccolo, piccolo.

    Una macchietta che non meriterebbe nemmeno il posto di prima guida in HRC.
    Ultima modifica di Grifis; 11-11-2015 alle 19:57

  2. #42
    Divorced Member L'avatar di Red
    Data Registrazione
    Fri Nov 2002
    Località
    Rent Free, In your Mind
    Messaggi
    6,790

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da enzo680 Visualizza Messaggio
    ot
    ho visto chi è migrato,ah ah ah
    Non so a chi ti è riferisci, ma insomma, io sono più preoccupato da chi potrebbe arrivare

    Edit: va beh, avevo scritto un post con citazioni e tutto il resto (comprese anche quelle di Lorenzo)... ma il fatto è che quando ci si riduce a copincollare le dichiarazioni di Rossi, con il nulla argomentativo a contorno, non vale veramente la pena di continuare (e senza neanche citare il vero problema).
    Non so perchè, ma sta situazione mi pare simile all'imbarazzante discorso fatto dalla FIM ai piloti a Valencia (se qualcuno vuole smettere di sbadigliare, si cerchi le reazioni dei piloti al meeting organizzato dalla FIM il giovedì prima della gara, è esilarante: http://www.gazzetta.it/Moto/06-11-20...08307162.shtml), o una delle dichiarazioni qualsiasi da Rossi. Che tra l'altro, nel motociclismo moderno, ha fin troppo approfittato di un vuoto generazionale spaventoso, vincendo più di quanto meritasse.
    È stato la figura più di spicco del motomondiale negli ultimi 40 anni, e il pilota più vincente, ma il più grande... bah, avrei capito se avesse dominato le migliori versioni di Stoner, o Marquez, o Lorenzo, invece che essere messo immediatamente in difficoltà dai giovani Stoner e Lorenzo.
    Poi va beh, definire in quel modo un pilota di 22 anni che ha pure fatto quello che ha fatto nelle annate precedenti, non può che commentarsi da solo.

    Ah, ma Petrucci poi è riuscito a tornare in Italia con la Saderini, oppure è ancora perso in qualche tangenziale, dopo essere uscito dal circuito per far passare Rossi?
    Ultima modifica di Red; 12-11-2015 alle 01:24

  3. #43
    Senior Member L'avatar di Grifis
    Data Registrazione
    Mon Aug 2007
    Località
    Genova
    Messaggi
    3,783

    Predefinito

    Con buona pace di Rainey (uno che, per inciso, ha paragonato Pedrosa a Cadalora ), Rossi nella sua era non sarebbe arrivato quarto.

    Ma poi, caro Wayne, quarto dietro a chi?

    Ad un pilota come Schwantz ?

    No, magari a Doohan (un biker totalmente sopravvalutato e per capire quanto è stato sufficiente il '98)

    Poi, con le citazioni si può sostenere ciò che si vuole in qualsiasi ambito.

    Lo stesso Lorenzo, che a differenza di Rainey ci ha corso contro, lo ha definito il più grande di sempre e ha ribadito a più riprese come, nonostante la sua (di Rossi) velocità nella stagione fosse inferiore alla sua ed a quella di Marquez (ed è evidente a chiunque, a parte alle scimmie oligoceniche di cui sopra), è stato straordinariamente bravo nell'ottimizzare ogni situazione.

    Si possono poi elaborare mille collage diversi, cercando di sostenere le tesi più disparate.

    Che Valentino Rossi sia un pilota sopravvalutato e che il comportamento di Marquez sia stato regolare ed omogeneo nel suo essere nelle ultime tre gare, è una roba che nemmeno lo youtubber - che si salva dalla definizione di hater perché parlando di Rossi tira fuori il "gas supremo", prerogativa del 46 con buona pace di tutti -, si è azzardato a mettere in discussione.

    E spero davvero che nessuno mai possa arrivare a tanto

    Detto questo, la mia posizione - di chi in moto è andato per anni - è molto vicina a quelli che vendono il CBR 1000 replica 93 per la vergogna (anche se purtroppo non lo possiedo ).

    E non perché Rossisti o quant'altro, ma semplicemente perché dopo la gara di domenica non serve minimamente andare a vedere il foglio dei tempi, il passo gara, sottolineare che, come effettivamente è stato, i primi due per oltre metà gara giravano su un passo monstre, che Valentino se fosse partito quarto - nemmeno dodicesimo - sarebbe comunque arrivato quarto.

    Semplicemente perché ciò che ha fatto Marquez lo ha visto tutto il mondo (che prima di passare al piano B conseguente ad una vittoria che sono sicuro volesse davvero, ha voluto accertarsi realmente che non vi fossero altri pericoli e non appena percepita la presenza di un ostacolo insidiosissimo ha preferito non vincere) ed il primo ad averlo capito è proprio Lorenzo (che, lo ripeto per l'ennesima volta, non ha rubato nulla in questo campionato, esattamente come non avrebbe rubato nulla Rossi in caso di vittoria).

    Per fortuna, quando fra qualche mese Marquez tornerà a sorpassare oltre il limite ed in qualsiasi condizione di gara, come ha sempre fatto, e non solo nei confronti di Rossi, eh, la memoria dell'accaduto sarà ancora viva.

  4. #44
    solid L'avatar di enzo680
    Data Registrazione
    Fri Mar 2009
    Località
    "casa del gaudio"
    Messaggi
    7,520

    Predefinito

    ot
    svuota la casella red,

    Fatto, levata un sacco di paccottiglia inutile.
    Red
    Ultima modifica di Red; 12-11-2015 alle 18:28
    "Non è grave il clamore chiassoso dei violenti,bensì il silenzio spaventoso delle persone oneste".
    cit M.L.KING

  5. #45
    Divorced Member L'avatar di Red
    Data Registrazione
    Fri Nov 2002
    Località
    Rent Free, In your Mind
    Messaggi
    6,790

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Grifis Visualizza Messaggio
    Con buona pace di Rainey
    Ah ecco, ora ce l'ho


    Citazione Originariamente Scritto da Grifis Visualizza Messaggio
    Che Valentino Rossi sia un pilota sopravvalutato e che il comportamento di Marquez sia stato regolare ed omogeneo nel suo essere nelle ultime tre gare, è una roba che nemmeno lo youtubber - che si salva dalla definizione di hater perché parlando di Rossi tira fuori il "gas supremo", prerogativa del 46 con buona pace di tutti -, si è azzardato a mettere in discussione.
    Sorvolo sulle valutazioni complessive di Rossi perchè davvero insignificanti in merito all'argomento (come il resto del non quotato, riferito ad un post editato), ma va beh, colpa mia se le ho ritirate fuori (tra l'altro, dovrebbero essere controproducenti per lui in questa situazione, ma chissenè a sto punto).
    Per il resto, niente di che: il comportamento di Marquez ovviamente non è stato "omogeneo", regolare, bah... avrai letto anche la dichiarazione di quel pilota che sostanzialmente diceva "io devo fare il massimo per portare risultati per me per il mio team, la cosiddetta regola non scritta la guardo come cosa meno importante del tutto" era Daniel Pedrosa. Ed è comunque ovvio che quello che Marquez ha fatto a Valencia, non può spostare di una virgola quanto visto e detto nelle gare precedenti.

    Il resto l'ha detto Nakamoto: Rossi non ha esposto alcuna prova, fatti dalla sua parte non ne ha tirati (ben vengano davvero, se ci saranno, ma a sto punto ne dubito visto che la cosa è stata letteralmente ridotta a discorsi calcistici... pure il biscottone ha tirato, ma del resto almeno in questo senso è unanimamente considerato un vero innovatore del motociclismo da chiunque)... ma in giro ci sono un sacco di portatori di verità assoluta, che si basano su una serie di "è evidente" per sostenere quello a cui loro piacerebbe credere. Senza prove nè fatti, io non sto a perdere tempo a parlare del nulla e di sospetti da parti più o meno interessate al tutto, tanto meno a puntare il dito sostenendo stronzate senza alcun fondamento (perchè meglio non so chiamarle).
    E va da sè che basarsi sui fatti, anzichè sulle percezioni, è un procedimento comunemente usato da qualsiasi appassionato che si rispetti. E purtroppo, i fatti suggeriscono altro.

    Citazione Originariamente Scritto da Grifis Visualizza Messaggio
    Semplicemente perché ciò che ha fatto Marquez lo ha visto tutto il mondo (che prima di passare al piano B conseguente ad una vittoria che sono sicuro volesse davvero, ha voluto accertarsi realmente che non vi fossero altri pericoli e non appena percepita la presenza di un ostacolo insidiosissimo ha preferito non vincere) ed il primo ad averlo capito è proprio Lorenzo (che, lo ripeto per l'ennesima volta, non ha rubato nulla in questo campionato, esattamente come non avrebbe rubato nulla Rossi in caso di vittoria).
    Lorenzo non ha detto che l'hanno fatto vincere, ha detto che dietro di lui non hanno voluto rischiare manovre azzardate, perchè uno spagnolo si stava giocando il mondiale. È una cosa ben diversa... lui manco sapeva che stava effettivamente succedendo alle sue spalle, tanto era concentrato, lo ha detto anche nell'intervista su Sky (immagino sia quella la fonte, o comunque interviste dell'immediato dopogara).

    Del resto, ci mancava anche che dopo la shitstorm di Sepang (o dovrei dire Qatar 2004 remastered, perchè è per quest'altro tipo di episodi che la carriera di Rossi va esaminata nel caso, non su valutazioni fuori contesto), Marquez avesse sorpassato al massimo della tensione un concorrente per il mondiale, se non ne era assolutamente sicuro, figuriamoci poi un suo connazionale in Spagna. In caso di incidente, sarebbe stato fatto a pezzi, e molto peggio di prima. E mi pare veramente banale, una cosa del genere... a meno che non doveva scansarsi al primo tentativo di sorpasso del pilota alle sue spalle (andato pure largo, facendo tutto da solo) per fugare ogni dubbio, cosa anche questa che si commenta da sè.

    Citazione Originariamente Scritto da Grifis Visualizza Messaggio
    Per fortuna, quando fra qualche mese Marquez tornerà a sorpassare oltre il limite ed in qualsiasi condizione di gara, come ha sempre fatto, e non solo nei confronti di Rossi, eh, la memoria dell'accaduto sarà ancora viva.
    O magari ci troveremo gare come quella del Qatar dell'anno scorso, quando Rossi arrivò a tre decimi da Marquez all'ultimo giro e non lo attaccò neppure. Tanto per citare una delle tante gare motoristiche in cui due piloti arrivano quasi in volata ma non succede... un cazzo, perchè entrambi sono già troppo concentrati sulla loro guida, per elaborare anche solo una manovra di sorpasso. Ma va beh, sarà stato "evidente" che a Valencia non era quello il caso.
    Ultima modifica di Red; 12-11-2015 alle 18:33

  6. #46
    Divorced Member L'avatar di Red
    Data Registrazione
    Fri Nov 2002
    Località
    Rent Free, In your Mind
    Messaggi
    6,790

    Predefinito

    Tanto per togliermi ogni dubbio, ho rivisto gli ultimi 10 giri della gara di Valencia con il Race Control di Sky, tanto per vedere se Marquez avesse "effettivamente" lasciato Lorenzo vincere: bene, dalla visuale dall'elicottero si vede chiaramente che la Yamaha del maiorchino ha molta più accelerazione della Honda di Marquez, che riusciva a recuperare quanto perso in trazione soltanto in frenata. E la cosa non cambia di una virgola per tutti i 10 giri, non ci sono comportamenti anomali di Marquez o errori di Lorenzo che smuovano la situazione... la differenza di accelerazione tra le due moto è nettissima in alcune curve, come la 1, la 8, e sopratutto la 14, che immette sul rettilineo del traguardo.
    E va da sè che Valencia non è nemmeno una pista favorevole ai sorpassi: lo stesso Rossi, nella sua bella rimonta, ha perso parecchio tempo, tanto da passare un giro intero dietro Hernandez, che guida solo una Ducati non ufficiale e che alla fine è arrivato solo 13°.

    Insomma, Marquez non ha mai avuto una vera opportunità di sorpasso... come detto da Lorenzo, Marquez avrebbe dovuto azzardare qualcosa, ma con un pilota spagnolo che si gioca il mondiale era meglio non farlo, per non fare danni.

    Quindi, riepilogando:
    -Phillip Island, Rossi dice di aver lo stesso ritmo di Lorenzo, ma purtroppo per lui ci sono anche gli altri in pista... e tra Marquez (che alla fine toglie punti a Lorenzo, battendolo in maniera rocambolesca) e Iannone (che lo "disturba" per la maggior parte della gara), molto coerentemente sceglie di prendersela con Marquez.
    - Sepang, i due si trovano a contatto per 5 dei primi 7 giri, ma si può dire che Rossi venga realmente "disturbato" da Marquez soltanto per 1 giro, il 5°... dove effettivamente Marquez, tentando di superarlo, ci prova fin troppo, facendo perdere tempo ad entrambi. Per il resto, Marquez fa una sola manovra poco ortodossa, al 7° giro, sorpassando Rossi all'esterno in un cambio di direzione: Rossi non può che reagire buttandolo fuori alla curva successiva. E dall'analisi dei tempi, risulta chiaramente che già dal 6° giro è Marquez il più veloce tra i due: insomma, se non fosse stato per quella manovra, Marquez avrebbe finito la gara sul podio e davanti a Rossi.
    - Valencia, Rossi proprio non ha il ritmo di Lorenzo e delle Honda (25° o 4° in griglia non sarebbe cambiato una mazza, il suo passo di gara era almeno 3 decimi al giro più lento di quello di Pedrosa), Lorenzo fa tutta la gara al comando e vince il mondiale, senza che Marquez POSSA impensierirlo. Rossi perde il suo terzo mondiale a Valencia, e fine della storia.

    Insomma, tutta questa "evidenza" che suggerisce che Marquez abbia deciso le sorti del mondiale, proprio non c'è. Non si vede. Non sussiste. L'unica cosa davvero evidente è il "calcio" di Sepang, e che neanche con quella scorrettissima manovra Rossi è riuscito a vincere il mondiale.

    Ovviamente, Rossi in tutta questa situazione ci fa solo la peggior figura di tutta la sua carriera. E insultare i suoi avversari come ha fatto lui, lo fa solo passare come un peggior perdente e uomo di sport di quanto sia mai stato.
    Peccato, non fosse sbottato a Sepang sarebbe stata comunque una bellissima stagione, da parte sua. Ma evidentemente neanche Rossi riesce a controllare il personaggio Rossi.


    Poi va beh, sulle scimmie urlatrici che hanno sostenuto tutte le sue ridicole tesi neanche mi dilungo più di tanto, ne ho parlato fin dall'inizio. Una massa di imbecilli fomentati a mezzo stampa, che tra le altre cose ancora citano con gusto il "A Biaggi tira il culo stare dietro", frase per cui Rossi stesso si scusò due ore dopo averla detta.
    Purtroppo, forse giusto tra una decina d'anni riusciranno a vedere Rossi sotto la luce che merita. Ammesso che a questi qua gliene sia mai fregato davvero qualcosa, di Rossi e delle corse in moto.

  7. #47
    Senior Member L'avatar di Grifis
    Data Registrazione
    Mon Aug 2007
    Località
    Genova
    Messaggi
    3,783

    Predefinito

    Il calcio, semmai vi fosse ancora bisogno di sottolineare una simile ovvietà (ed a quanto vedo c'è eccome), non c'è mai stato.

    Lo sanno praticamente tutti e quanto appurato a Sepang è già stato abbondantemente analizzato.

    Ovviamente la Honda si è ben guardata di fornire la telemetria di Marquez, pena far vedere a tutto il mondo ciò che per fortuna il 95% dei cervelli ha già assimilato.

    Poi, vabbé, chi conosce UN MINIMO la storia di Marquez sa benissimo come lo spagnolo oltrepassi da sempre il limite, garantendosi l'opportunità di sorpasso sempre e comunque; praticamente in qualunque condizione.

    Ovviamente, in condizioni normali, a Valencia Lorenzo a 7/8 giri dalla fine sarebbe stato lasciato sul posto (come, ad esempio, ad Indianapolis), semplicemente perché Marquez era nettamente più veloce di lui; addirittura Pedrosa gli guadagnava più di tre decimi a giro.

    In almeno due occasioni è evidentissimo come Marquez sia andato volontariamente largo per non finire addosso a Lorenzo, allargando senza alcun senso la propria traiettoria (esattamente come ha detto Rossi, gli ultimi giri sono stati penosi).

    Gente che in moto ci sa andare per davvero mi ha fatto notare fin dai primi giri, dal sesto-settimo per l'esattezza, come Marquez avesse del margine, ma francamente ero ancora dubbioso (anche se la gara me la sono rivista quattro volte); ma poi...

    Con la vergognosa esibizione di Valencia, Marquez ha dimostrato tutta la sua pochezza, con buona pace di tutti.

    Comunque, al di là della versione B fornita in seguito alla televisione spagnola, nel post gara Lorenzo ha detto (lo scrivo per chi non avesse ascoltato l'intervista - che comunque trovate qui):

    "Oggi le Honda avevano un lato destro del pneumatico migliore, era molto difficile mantenere sempre la concentrazione e stare davanti a loro e sicuramente è questo che ho spiegato: che loro sono spagnoli come me e sapevano quello che mi giocavo, mi hanno beneficiato perché magari senza quel piccolo aiuto, magari Valentino che ha fatto una grande gara rimontando dall'ultimo al quarto poteva sottrarmi il campionato; allora, questo titolo è mio, è nostro, ma anche della Spagna"

    E più chiaro di così non si può e lo sguardo di Lorenzo mentre parla rende addirittura superfluo ciò che ha detto.

    Tanto di cappello a lui ed al suo campionato, che comunque ha vinto con merito.

    In questo topic si è arrivati a scrivere che Rossi non meritasse la dicitura di campione. Marquez a questo punto non merita neppure quella di pilota.
    Ultima modifica di Grifis; 13-11-2015 alle 22:50

  8. #48
    Divorced Member L'avatar di Red
    Data Registrazione
    Fri Nov 2002
    Località
    Rent Free, In your Mind
    Messaggi
    6,790

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Grifis Visualizza Messaggio
    Il calcio, semmai vi fosse ancora bisogno di sottolineare una simile ovvietà (ed a quanto vedo c'è eccome), non c'è mai stato.
    Beh, certo, dopo aver aperto la reply precedente con una mia frase rimasta online la bellezza di 10 minuti, non poteva mancare il mettere in bocca all'interlocutore parole e concetti che non ha mai espresso, nè detto.

    Seriamente, non ci provare neanche, dai... stai parlando con uno che è convinto che il calcio non c'è stato fin da quando ha visto il contatto per la prima volta: tanto che anche un ritardato (con tutto il rispetto per loro...) si accorgerebbe che io ho sempre scritto "calcio" con le virgolette o usato perifrasi come "il cosiddetto calcio" (perchè così passerà alla storia, allo stesso modo della "spallata" di Jerez).
    Come se poi l'assenza del "calcio" togliesse qualcosa alla manovra di Rossi, che rimane vergognosa.

    Vabbè dai, vediamo adesso quale mezzuccio del tuo repertorio discorsivo mi sarà riservato.

    Citazione Originariamente Scritto da Grifis Visualizza Messaggio
    Ovviamente la Honda si è ben guardata di fornire la telemetria di Marquez, pena far vedere a tutto il mondo ciò che per fortuna il 95% dei cervelli ha già assimilato.
    Se vogliamo dirla tutta, invece che per l'ennesima volta solo quello che interessa a te, a sto giro sono state Dorna e FIM a censurare la Honda. Per la faccenda completa, comunque: http://www.gpone.com/2015111118858/D...-di-Honda.html
    Che poi ok, ben venga, ma mi pare importante sino ad un certo punto, riguardando i cervelli dei fan di Rossi e/o, peggio ancora, dei glory hunters.

    Citazione Originariamente Scritto da Grifis Visualizza Messaggio
    Poi, vabbé, chi conosce UN MINIMO la storia di Marquez sa benissimo come lo spagnolo oltrepassi da sempre il limite, garantendosi l'opportunità di sorpasso sempre e comunque; praticamente in qualunque condizione.
    E qui invece si sta parlando di UNA gara, in cui c'era pure il campionato mondiale in ballo, tra l'altro in un clima oggettivamente più unico che raro. Non per niente, se dovessimo saltare a giudizi in questo modo, dovremmo concludere che Pedrosa nel GP del Portogallo 2006 ha buttato fuori di proposito Hayden, il suo compagno di squadra che si giocava seriamente (a differenza sua) il mondiale, invece che in un tentativo di sorpasso tanto penoso quanto inusuale.
    No, ma poi la cosa più divertente è che lo si dice a me, che Marquez lo seguo dai tempi della 125 e che ricordo anche le sue, di porcate, oltre a quelle del suo idolo (tra l'altro è vero, le ha studiate, perchè infatti quasi sempre veniva penalizzato, a differenza del 46).

    Citazione Originariamente Scritto da Grifis Visualizza Messaggio
    Ovviamente, in condizioni normali, a Valencia Lorenzo a 7/8 giri dalla fine sarebbe stato lasciato sul posto (come, ad esempio, ad Indianapolis), semplicemente perché Marquez era nettamente più veloce di lui; addirittura Pedrosa gli guadagnava più di tre decimi a giro.
    A parte che è fin troppo ovvio che fare un confronto come il tuo lascia totalmente il tempo che trova, a meno che non implementi (grande verbo) con molta più completezza e acume il perchè la gara di Indianapolis si può confrontare con quella di Valencia. Ammesso che si possa fare... per ovvi motivi, parlando di una gara di tre mesi fa.
    Poi perchè Pedrosa stesse guadagnando su entrambi l'ha detto nella sua intervista, ci sono stati motivi tecnici che c'entrano veramente poco con la gara di Marquez, forse niente. Ma questo dovrebbe essere scontato per uno che è suo tifoso.
    Almeno credo.

    Citazione Originariamente Scritto da Grifis Visualizza Messaggio
    In almeno due occasioni è evidentissimo come Marquez sia andato volontariamente largo per non finire addosso a Lorenzo, allargando senza alcun senso la propria traiettoria (esattamente come ha detto Rossi, gli ultimi giri sono stati penosi).
    Hai guardato la gara quattro volte. Dici di averla vista con gente che in moto ci sa andare davvero (pure io, ma sorvoliamo).
    Ora dammi curva e giro di questi "larghi", perchè io ho guardato gli ultimi 9 giri con la visuale dell'elicottero e non ho notato niente di quanto tu hai detto. Grazie.

    Citazione Originariamente Scritto da Grifis Visualizza Messaggio
    Comunque, al di là della versione B fornita in seguito alla televisione spagnola, nel post gara Lorenzo ha detto (lo scrivo per chi non avesse ascoltato l'intervista - che comunque trovate qui):
    No va beh, questo uno-due è micidiale: non perchè provi qualcosa, anzi, ma perchè si mettono in mezzo un servizio penosissimo di Sky (spagnolo di Lorenzo ovviamente neanche sottotitolato, forse perchè la teoria del biscotto è stata giustamente derisa e sminuita, non essendoci nessun lacchè di Rossi a sto giro) e poi l'intervista, tagliata, a Lorenzo.
    Esatto, TAGLIATA, manco integrale.
    No, perchè a parte che anche in quella tagliata dice "capendo che io mi giocavo moltissimo, in un altro tipo di gara, loro potevano rischiare molto di più", che è esattamente quello di cui parlavo...
    Dall'intervista integrale si capisce subito che Lorenzo precisa esattamente quello che ho detto sopra, cioè che lui ha detto tutto questo ma SENZA AVER ANCORA VISTO la gara dietro di lui (e grazie, è stato davanti tutta la gara e a malapena guardava i distacchi sul tabellone esposto dal box).

    E la cosiddetta versione B è DOPO AVERLA VISTA su dvd. Lo ha detto anche lunedì (quindi pure prima che lo sponsor di Rossi mandasse in onda quel servizio di caratura amatoriale), in una nuova intervista concessa a Sky Italia, e mandata in onda nel programma "Lorenzo V - La versione di Jorge".
    Trascrivo pure io, va:
    "Devono giudicare le persone che, come te (che sarebbe l'intervistatore Sandro Donato Grosso) penso che ne capiscono un po' di moto e che hanno visto la gara, che hanno visto il distacco che c'era all'inizio della gara e che è diminuito alla fine, certo... vedendo un po' come usciva dalle curve con un po' più di accelerazione la Yamaha, arrivando (cioè, essendo, immagino) un po' più lontano Marquez era difficile provare un sorpasso, questo te lo dico dopo aver visto la gara in dvd, sul computer... vedendo la gara in prima persona, puoi avere un altro punto di vista."
    Tra l'altro, ancora una volta, è la stessa cosa che ho notato e scritto sopra.

    Poi va beh, in TV c'era Capirossi che mentre Marquez spingeva sino a lasciare gomma sull'asfalto deparando, se ne usciva dicendo "ha ancora margine, può spingere ancora di più", ma sorvoliamo ridendo

    Per non dire che ora sarebbero indizi cose come "lo sguardo di Lorenzo"... Impagabile.

    Citazione Originariamente Scritto da Grifis Visualizza Messaggio
    Con la vergognosa esibizione di Valencia, Marquez ha dimostrato tutta la sua pochezza, con buona pace di tutti.
    In questo topic si è arrivati a scrivere che Rossi non meritasse la dicitura di campione. Marquez a questo punto non merita neppure quella di pilota.
    Ok, e sono due, questo poi con un tempismo che la Transiberiana ha fatto andata e ritorno, nel frattempo. E pure questa seconda volta, non ho ancora letto alcun fatto degno di questo nome, anzi come allora è più la stizza dei contenuti.
    E va beh, pazientiamo ancora nell'attesa di leggerne qualcuno, va, che magari alla fine mi verrà sottoposto qualcosa di meglio di questo.

    Forse.
    Ultima modifica di Red; 14-11-2015 alle 03:07

  9. #49
    Senior Member L'avatar di Grifis
    Data Registrazione
    Mon Aug 2007
    Località
    Genova
    Messaggi
    3,783

    Predefinito

    Quanto sia rimasta online è un dettaglio del tutto insignificante, visto che se io scrivo qualcosa è perché ne ho la piena consapevolezza.
    Che poi l'idea di fondo non era nemmeno malvagia, supportare una personalissima opinione con delle citazioni.
    Si trattava di un minuzioso collage anti Rossi (per inciso, a mio avviso Wayne Rainey è uno dei migliori cinque piloti della storia del motociclismo; anche se, ovviamente, in un ipotetico confronto, l'ago pende dalla parte di Rossi).
    Il problema, però, non è tanto questo (ci si può anche auto-convincere che "Fastest" non sia dedicato a Rossi, in fin dei conti ognuno può vivere la propria vita come vuole), bensì che con le citazioni si può sostenere qualsiasi cosa; ad esempio, se si cercano le dichiarazioni rilasciate da Stoner su Rossi, si trova un sacco di roba contrastante.
    Ed ovviamente si prende ciò che più torna comodo alla crociata che si sta cercando di portare avanti.
    Per il resto, a parte il post in cui si inveisce contro quello che dovrebbe essere uno dei nostri maggiori vanti di ogni tempo in ambito sportivo in maniera assolutamente forzata (ok, la Transiberiana, ma allora perché non una rettifica, una riga in direzione opposta? Troppo comodo così'), di sottolineature esplicite che il calcio non ci sia stato non ne vedo nemmeno mezza (potrebbero anche essercene, eh, ma francamente non ho voglia di rileggere tutti i messaggi per intero). Le virgolette ci sono sempre state, ma esattamente come hai ricordato, proprio perché è in questo modo che passerà alla storia il suddetto episodio, è sacrosanto ribadire che le cose NON sono andate così.
    Non per altro, eh, ma perché la spallata di Jerez 2005 è proprio ciò che ha fatto Rossi (che a mio avviso andava penalizzato), e "biscotto" sarà la prima cosa che si scriverà parlando della gara di Valencia.
    Poi, vabbé, sui mezzucci e sulla solita, consueta e penosa replica stizzita (e non da un punto di vista contenutistico), non spendo una parola di più.


    - E cambia qualcosa? In ogni caso, non è venuto fuori nulla. Oh, se poi mi stai dicendo che in tutta 'sta merda non è coinvolta solo la Honda, sfondi una porta aperta (e di certo non era mia intenzione strumentalizzare alcunché; lo scrivo per i non senzienti). In ogni caso, la vittima rimane sempre la stessa ed ormai questo è un assunto sotto gli occhi di tutti.
    I fan di Rossi sono al 90% delle scimmie oligoceniche e parlano perché hanno la lingua in bocca, ma chi va in moto ha una percezione diametralmente diversa da chi si limita ad osservare (e, guarda un po', mi ci metto pure io, nonostante, da biaggista, possegga una RS 250 Chesterfield in garage).
    Molto semplicemente, quando un ragazzo italiano che acquista la moto di Marquez perché amante sia dei CBR ma anche affascinato dalle gesta di questo pilota giovanissimo eppure già così forte, la vende per la VERGOGNA, si può pensare che non capisca nulla, che sia una scimmia oligocenica o un cacciatore di non so che; o, più propriamente, si prende atto di come stiano in realtà le cose.


    - Ed invece è proprio il contrario, caro mio.
    Chiediti perché nonostante la manovra di Pedrosa, NESSUNO si sia MAI azzardato ad avanzare un benché minimo sospetto su di lui.
    Poi, vabbé, sottolineiamo anche come il biker di Sabadell sia da anni il pilota più corretto del circus e Hayden il campione del mondo più scarso della storia ed abbiamo chiuso il cerchio.
    E' inutile fare a gara su chi segue le gesta di Marquez da più tempo: lo seguiamo entrambi dagli albori; ok, proseguiamo.
    E proprio perché entrambi lo conosciamo così bene, non esiteremmo un decimo di secondo a delinearne la prerogativa più ancestrale.
    Entrambi ne abbiamo tessuto le lodi in passato, io addirittura ne ho parlato come "The next big thing" in tempi non sospetti.
    Ed è proprio perché non stiamo parlando di un biker qualsiasi, ma di un vero e proprio cannibale, e stiamo analizzando non una ma LA (le, in realtà, visto che ormai il suo comportamento è sub judice da quantomeno Phillip Island) gara, il suo comportamento è completamente irreale.
    Per sorpassare devi rischiare, ma per lui questo è sempre stato l'ultimo dei problemi. La porcata di Jerez '13 nella gara di Sepang ha rischiato di ripeterla almeno 2-3 volte, in cui ha forzato la staccata in modo quasi assoluto (soprattutto la destra lenta alla fine del T1 del circuito malese).
    Ma a Valencia nemmeno un sorpasso; UNO solo: il NULLA.
    Ora, la domanda chiave di tutta questa storia è la seguente e la buttò giù senza la minima esitazione: a Valencia in condizioni normali (e qui ognuno la può leggere come più preferisce - una gara senza il destino del mondiale in ballo, oppure una gara in cui non vuole correre contro nessuno) Marquez avrebbe provato quantomeno ad attaccare Lorenzo?
    E la risposta non può che essere ovviamente affermativa, visto che le Honda da metà gara in poi erano nettamente superiori.
    Ed allora perché non lo ha fatto?
    Perché Lorenzo non gliene ha dato modo?
    Perché non è riuscito a trovare uno spiraglio?
    No, perché non ha VOLUTO.
    E perché?
    Perché ha corso CONTRO Rossi.
    E perché?
    Perché non voleva che vincesse il mondiale.
    Se doveva favorire qualcuno, beneficiare se si preferisce, ha deciso che quel qualcuno fosse Lorenzo.
    Punto, non c'è proprio nient'altro da aggiungere.
    Poi, magari attaccando il maiorchino avrebbe anche potuto sbagliare, Lorenzo avrebbe potuto anche arrivare comunque secondo difendendosi da Pedrosa e vincere il campionato - un campionato che ha comunque vinto CON PIENO MERITO.
    Ma non è successo nulla di tutto questo perché il signor Marc Marquez non lo ha permesso.


    - Interessante è l'analisi della cosa dal punto di vista della gara di Pedrosa, che da metà gara in poi ha iniziato a guadagnare progressivamente sulla coppia di testa, fino a ricucire un gap di oltre due secondi.
    Ora, siamo di fronte ad una Motegi 2 (perché il dubbio a qualcuno potrebbe anche venire)? Assolutamente no, in quanto in Giappone la differenza è stata fatta dalle condizioni dell'asfalto.
    Come ha ricordato lo stesso Lorenzo, le Honda, non il solo Pedrosa, godevano di un vantaggio di gomme (anche se non possiamo identificarne la misura) e nella seconda parte della gara erano più veloci.
    Tanto che Pedrosa ha guadagnato due secondi, che considerando il loro livello monstre e le condizioni standard dell'asfalto è una roba semi-allucinante; tanto che Marquez seguiva Lorenzo con una scioltezza disarmante, arrivando ad allargare volutamente la traiettoria in almeno due occasioni.
    Ora, e mi ripeto perché è in questo interrogativo il reale fulcro della discussione, se le Honda avevano un vantaggio divenuto netto negli ultimi dici giri, un vantaggio che ha permesso a Pedrosa, stabilmente più lento di Marquez e Lorenzo per quasi tutto il weekend, di recuperare due secondi in poche tornate, è possibile che Marquez non abbia avuto nemmeno un'opportunità di sorpasso?
    E la risposta ed il perché di essa la conosciamo già (il paragone con la gara di Indianapolis è stato fatto dallo stesso Marquez; chiaramente come alibi per cercare di convincerci, del tutto vanamente, che quella situazione l'avevamo già vista e vissuta).
    L'aspetto a mio giudizio più intrigante è capire il funzionamento della testa di Marquez ed il ragionamento fatto, una volta accortosi del recupero di Pedrosa e della superiorità schiacciante del suo (loro) pacchetto nei confronti di quello di Lorenzo.
    "Se passo Jorge ora, Dani potrebbe attaccarlo e superarlo a sua volta e lui perderebbe il campionato".
    NON ho la presunzione di poter leggere dentro la mente di Marquez, ma scommetterei qualsiasi cifra sull'esattezza di tale riflessione.
    Poi che Pedrosa sia andato largo sbagliando di tasca propria, che il passo di Lorenzo e Marquez nei primi 10-12 giri sia stato hors catégorie (non male pure questa) e che Rossi fosse sensibilmente più lento dei primi tre, è una cosa evidentissima, oltre che un dato di fatto esposto a più riprese dal sottoscritto nel corso del thread.


    - Ti dico di più. Pensa al primo giro ed al sorpasso che Marquez ha fatto IN TEMPO ZERO (leggi, alla SECONDA curva) su Pedrosa.
    Ora, tu mi vuoi forse dire che in altri TRENTA giri non ha MAI avuto la possibilità concreta di fare la stessa cosa con Lorenzo?
    Neppure quando era nettamente più veloce.
    Comunque, per larghi non intendo una roba tipo Petrucci, ok?
    Ma soprattutto prima dell'ultima curva a destra in discesa dopo la S lenta (specie negli ultimi 4-5 giri) che Marquez non abbia mai affondato un attacco interno (per proteggersi poi dall'effettivo vantaggio di accelerazione di Lorenzo - Mat Oxley, perché la fonte è quella, sostiene anche che a Sepang lo spagnolo abbia corso DELIBERATAMENTE contro Rossi) ed anzi abbia allargato ulteriormente la traiettoria con una manovra che è l'esatto equivalente di un suicidio tattico, per chi vuole superare, ovviamente, è parso evidente a tutti.
    Ripeto, i miei amici motociclisti (che poi sono amatori, come me, eh) e che sono tifosissimi di Rossi, sostenevano che Marquez avesse del margine sin dall'inizio; anche se a me, francamente, non è sembrato.
    Ma quando Marquez ha risuperato Pedrosa, dando vita al secondo sorpasso della sua gara, entrambi ai danni del suo compagno di squadra, anche mia moglie ha iniziato ad urlargli contro
    Perché non mi dai i feedback dei tuoi amici motociclisti, invece?
    Grazie.

  10. #50
    Senior Member L'avatar di Grifis
    Data Registrazione
    Mon Aug 2007
    Località
    Genova
    Messaggi
    3,783

    Predefinito

    - Ah, quindi ogni intervista fatta nel dopo gara ad un pilota, adesso scopriamo che ha zero valenza e che per analizzare in maniera attendibile il suo pensiero dobbiamo aspettare che se la guardi sul computer?
    Ma va bene, analizziamo anche quello che la versione integrale riporta in più (che non ho linkato, semplicemente perché il succo è l'ultima parte, dove Lorenzo si rende conto di come si siano svolti in realtà i fatti; e, sì, il suo sguardo lo prova più di ogni altra cosa - mai visto un qualsiasi campione del mondo con un'espressione del genere):
    Lorenzo ci dice che nella prima parte della gara c'era mezzo secondo di gap con Marquez e che nella seconda parte il distacco si è annullato.
    Ma la cosa peggiore è stata vedere avvicinarsi Pedrosa, con il rischio di arrivare terzo e perdere il mondiale.
    Lorenzo afferma che sia Marquez che Pedrosa, capendo che si stava giocando moltissimo, non hanno rischiato per sorpassarlo come avrebbero fatto in un altro tipo di gara (cioè una qualsiasi) e che sono stati molto bravi per far sì che il titolo rimanesse in Spagna (affermazione proprio interlocutoria, già).
    Lorenzo ci informa che la sua gomma posteriore era messa male (e nella seconda parte implementa [oh, yeah] la riflessione dicendo che quella della Honda era messa meglio).
    Addirittura alla fine (sorvolando sulla fondamentale domanda di Pernat) Meda gli dice che un piccolo aiuto glielo ha dato Marquez, ma Pedrosa no e lui ride
    Insomma, cambia tutto, eh

    Che poi abbia cambiato versione mi stupisce tanto quanto mi sconvolgono le dichiarazioni di Nakamoto.


    La cosa più surreale di tutto questo, comunque, è che il mondiale Rossi lo ha PERSO.
    Lo avrebbe meritato tanto quanto Lorenzo, ma non è questo il punto.
    Lo ha perso, proprio come sottolineato da Oxley, nel giovedì malese.
    Sì, perché, con una bella dose di furbizia in più, si sarebbe presentato a Valencia con un numero di punti di vantaggio uguale se non superiore (Marquez a Sepang avrebbe potuto battere Lorenzo ed in ogni caso a Valencia non sarebbe mai partito ultimo).
    E siccome nell'ultima gara le due Honda erano nettamente più forti, e la Honda vuole vincere, come hanno dimostrato sia Marquez a PH che Pedrosa in Malesia, con buona probabilità le due Yamaha avrebbero chiuso al terzo ed al quarto posto.
    E Rossi avrebbe vinto il campionato.
    E' interessante cercare di capire se quella conferenza stampa è stata dettata dalla paura, dallo stress, dalla consapevolezza di essere più lento dei suoi avversari (come in effetti era sia in Malesia che a Valencia), oppure da una semplice convinzione che, dato il suo potere (o quantomeno il potere che pensava di vantare nel circus), quel messaggio avrebbe definitivamente inibito Marquez.
    Di fatto, la reazione è stata la peggiore possibile (anche se comprensibile, visto che sentirsi dare del venduto in mondovisione non è propriamente la cosa più appagante di questo mondo) e quello che, a suo giudizio, era stato il modus operandi atto ad aumentare le proprie chances di vittoria, si è trasformato nella scelta peggiore della sua vita agonistica.

    Peccato.


    P.S.: Grazie, comunque.

    Saranno almeno cinque anni che, senza quotare, non superavo i 10.000 caratteri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •