Non perderti la diretta la diretta

Visualizza Risultati Sondaggio: Preferenza elezioni politiche 2013

Partecipanti
75. Non puoi votare in questo sondaggio
  • Io amo l'Italia - Magdi Cristiano Allam

    0 0%
  • Rivoluzione Civile - Ingroia

    3 4.00%
  • Lega Nord - Maroni

    0 0%
  • Moderati in Rivoluzione - Samorì

    0 0%
  • Il Popolo delle Libertà - Berlusconi

    1 1.33%
  • La Destra - Storace

    0 0%
  • Fratelli d'Italia - Centrodestra Nazionale

    0 0%
  • Movimento Cinque Stelle - Beppe Grillo

    23 30.67%
  • Partito Democratico

    16 21.33%
  • Sinistra Ecologia Livertà - Vendola

    8 10.67%
  • Diritti e Libertà - Centro Democratico

    0 0%
  • Forza Nuova

    0 0%
  • Partito Comunista dei Lavoratori

    2 2.67%
  • Fare per Fermare il Declino

    4 5.33%
  • Con Monti per l'Italia

    12 16.00%
  • Futuro e Libertà - Fini

    0 0%
  • Unione di Centro - Casini

    0 0%
  • Partito Socialista Italiano

    0 0%
  • Altro (specificare)

    0 0%
  • Astenuto

    6 8.00%
Pagina 206 di 409 PrimaPrima ... 106156196204205206207208216256306 ... UltimaUltima
Risultati da 2,051 a 2,060 di 4087
  1. #2051
    Senior Member L'avatar di blackhawk
    Data Registrazione
    Sun Jun 2010
    Messaggi
    3,097

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Andrew Clemence Visualizza Messaggio
    Ma è solo per farti capire come influenza le altre variabili nei modelli elementari. vedrai che rapidamente ti porranno i primi paletti e poi via via verrà arricchito di peculiarità. Se stai facendo micro sei solo al primo livello Devi procedere per strati!
    Lo spero perchè sti modelli mi sembrano fin troppo astratt, e penso, "per forza che c' è la crisi"

  2. #2052
    a.k.a. Rinoa90 L'avatar di Ariesh
    Data Registrazione
    Thu May 2005
    Messaggi
    514

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da blackhawk Visualizza Messaggio
    Lo spero perchè sti modelli mi sembrano fin troppo astratt, e penso, "per forza che c' è la crisi"
    Ma no tranquillo, più vai avanti e più i modelli... saranno campati per aria

    E' più per farti un'idea delle variabili e una base di terminologia, e poi sono indispensabili per capire la storia economica, attuale e passata. Appena metti mano su crisi passate, soluzione proposte, adottate, magheggi internazionali e europei, ti si apre un mondo!

    Molto dipende anche dal prof comunque, quanto riesce a farti appassioare
    Signoraggio, spread, mercati finanziari... Sfatiamo i miti, chiariamo le idee, impariamo a conoscere l'economia in modo semplice e accessibile a tutti su: http://www.facebook.com/DiarioDiUnEconomistaPerBene. Unisciti a noi e aiutaci a crescere!

  3. #2053
    Senior Member L'avatar di Andrew Clemence
    Data Registrazione
    Wed Mar 2009
    Messaggi
    20,834

    Predefinito

    Confermo. Conta anche il testo. Certi testi sono talmente guidati e logici che certe volte non hai nemmeno bisogno di spiegazione ulteriore. Almeno per macro/micro 1. Poi quando inizia ad esserci un po' di sbattimento una voce amica può aiutare molto. Specie a farti fare collegamenti tra politica economica/bancaria/aziendale/finanza. Perché fintanto che non riesci a vedere almeno le linee guida del sistema, rimani sempre un "ignorantone" in materia. Poi inizi ad ingranare rapidamente, e aggiungere tasselli sarà facile. Rideremo insieme dei complottisti a quel punto. o magari già non ti fai ingannare, ma rideremo con più consapevolezza

  4. #2054
    Senior Member L'avatar di blackhawk
    Data Registrazione
    Sun Jun 2010
    Messaggi
    3,097

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Ariesh Visualizza Messaggio
    Ma no tranquillo, più vai avanti e più i modelli... saranno campati per aria

    E' più per farti un'idea delle variabili e una base di terminologia, e poi sono indispensabili per capire la storia economica, attuale e passata. Appena metti mano su crisi passate, soluzione proposte, adottate, magheggi internazionali e europei, ti si apre un mondo!

    Molto dipende anche dal prof comunque, quanto riesce a farti appassioare
    Citazione Originariamente Scritto da Andrew Clemence Visualizza Messaggio
    Confermo. Conta anche il testo. Certi testi sono talmente guidati e logici che certe volte non hai nemmeno bisogno di spiegazione ulteriore. Almeno per macro/micro 1. Poi quando inizia ad esserci un po' di sbattimento una voce amica può aiutare molto. Specie a farti fare collegamenti tra politica economica/bancaria/aziendale/finanza. Perché fintanto che non riesci a vedere almeno le linee guida del sistema, rimani sempre un "ignorantone" in materia. Poi inizi ad ingranare rapidamente, e aggiungere tasselli sarà facile. Rideremo insieme dei complottisti a quel punto. o magari già non ti fai ingannare, ma rideremo con più consapevolezza
    Tra professore e testo non so chi sia meglio, mi trovo benissimo con entrambi ed è un parere diffuso anche tra altri compagni. Certo il prof è un capitalista convinto duro e puro, ci spiattella la soluzione della teoria neoclassica a qualsiasi problema noi studenti poniamo in una discussione che esula un pò dalla lezione. Invece noi studenti siamo un pò più "sociali" Per esempio a me appassiona la descrescita serena, ho appena finito il saggio di Latouche a riguardo e lo trovo molto interessante. insomma mi diverte pensare un pò fuori da questo mondo iper produttivo nonostante io ne faccia parte in pieno

    Riguardo i complotti ricordo comunque un professore universitario di economia che un anno o due fa, ad una conferenza, insinuava girassero voci che Francia e Germania dessero spintarelle allo spread, o che lo tenessero comunque alto. Sentirlo dire da un prof non è cosa da poco
    Ultima modifica di blackhawk; 18-05-2013 alle 21:34

  5. #2055
    Senior Member L'avatar di Andrew Clemence
    Data Registrazione
    Wed Mar 2009
    Messaggi
    20,834

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da blackhawk Visualizza Messaggio
    Tra professore e testo non so chi sia meglio, mi trovo benissimo con entrambi ed è un parere diffuso anche tra altri compagni. Certo il prof è un capitalista convinto duro e puro, ci spiattella la soluzione della teoria neoclassica a qualsiasi problema noi studenti poniamo in una discussione che esula un pò dalla lezione. Invece noi studenti siamo un pò più "sociali" Per esempio a me appassiona la descrescita serena, ho appena finito il saggio di Latouche a riguardo e lo trovo molto interessante. insomma mi diverte pensare un pò fuori da questo mondo iper produttivo nonostante io ne faccia parte in pieno

    Riguardo i complotti ricordo comunque un professore universitario di economia che un anno o due fa, ad una conferenza, insinuava girassero voci che Francia e Germania dessero spintarelle allo spread, o che lo tenessero comunque alto. Sentirlo dire da un prof non è cosa da poco
    La decrescita serena per quanto mi riguarda è un'utopia. Tutto il mondo dovrebbe insieme attuarla, altrimenti chi non la attua fa scacco matto agli altri. Poi non tiene conto di mille altre cose ma non mi interessa parlarne. Molto meglio e realistico orientarsi sulla crescita sostenibile. Bisogna anche dire che sarebbe un arrendersi all'incapacità scientifica di progredire fino a orientarci verso il "paradiso terrestre" verso cui sono convintissimo che la scienza ci porterà. Con nuove fonti di energia sostenibili ad esempio quali la fusione, oppure con la possibilità di viaggiare oltre la terra, insomma per me bisogna correre e non fermarsi mai. Questo bada bene non vuol affatto dire sprecare le risorse, su cui ci troviamo perfettamente d'accordo.

    Anche io sono più per un certo grado di apertura alle politiche sociali. Credo che il capitalismo duro e puro (che peraltro è un'utopia al pari del comunismo, che non è mai stata applicato) sia un'anticaglia. Tieni presente che nemmeno negli USA, capitale dei capitalisti () viene applicato. Io è inutile, sono innamorato del modello tedesco. Quella sua competitività, sposata perfettamente con i ritmi vitali. Quel suo basarsi sulla tecnologia e adottare al contempo politiche verdi e di welfare... Io vorrei così tutta l'europa in primis, ma anche il mondo!

    Si ma quello non è un complotto... Quella è una manovrina... Non è del tutto impossibile. In ogni caso se lo hanno fatto a poco gli è servito, visto che il nostro spread si è tirato dietro la francia Quindi peggio per loro!
    Ultima modifica di Andrew Clemence; 19-05-2013 alle 11:30

  6. #2056
    Senior Member L'avatar di blackhawk
    Data Registrazione
    Sun Jun 2010
    Messaggi
    3,097

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Andrew Clemence Visualizza Messaggio
    La decrescita serena per quanto mi riguarda è un'utopia. Tutto il mondo dovrebbe insieme attuarla, altrimenti chi non la attua fa scacco matto agli altri. Poi non tiene conto di mille altre cose ma non mi interessa parlarne. Molto meglio e realistico orientarsi sulla crescita sostenibile. Bisogna anche dire che sarebbe un arrendersi all'incapacità scientifica di progredire fino a orientarci verso il "paradiso terrestre" verso cui sono convintissimo che la scienza ci porterà. Con nuove fonti di energia sostenibili ad esempio quali la fusione, oppure con la possibilità di viaggiare oltre la terra, insomma per me bisogna correre e non fermarsi mai. Questo bada bene non vuol affatto dire sprecare le risorse, su cui ci troviamo perfettamente d'accordo.

    Anche io sono più per un certo grado di apertura alle politiche sociali. Credo che il capitalismo duro e puro (che peraltro è un'utopia al pari del comunismo, che non è mai stata applicato) sia un'anticaglia. Tieni presente che nemmeno negli USA, capitale dei capitalisti () viene applicato. Io è inutile, sono innamorato del modello tedesco. Quella sua competitività, sposata perfettamente con i ritmi vitali. Quel suo basarsi sulla tecnologia e adottare al contempo politiche verdi e di welfare... Io vorrei così tutta l'europa in primis, ma anche il mondo!

    Si ma quello non è un complotto... Quella è una manovrina... Non è del tutto impossibile. In ogni caso se lo hanno fatto a poco gli è servito, visto che il nostro spread si è tirato dietro la francia Quindi peggio per loro!
    Pongo la stessa tua obiezione alla teoria della decrescita ma lo stesso la ammiro molto Comunque ho letto anche un altro libro di Latouche dove parla del, secondo lui, ossimoro "sviluppo sostenibile". è interessante anche quello, e si sviluppa nella logica della decrescita insomma.
    Anche perchè penso bisgona ammettere che senza qualche miracolo tecnologico la crescita infinita in un mondo con risorse finite sia utopica al pari del resto

    Eh si ti do ragione che i tedeschi sono avanti, ed è proprio una questione di mentalità dell' individuo. Noi latini difficilmente saremmo mai come i nordici, c' è poco da fare. Sono avanti e noi non apprendiamo nulla, risultando un peso che speriamo non scarichino in futuro

  7. #2057
    Senior Member L'avatar di Andrew Clemence
    Data Registrazione
    Wed Mar 2009
    Messaggi
    20,834

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da blackhawk Visualizza Messaggio
    Pongo la stessa tua obiezione alla teoria della decrescita ma lo stesso la ammiro molto Comunque ho letto anche un altro libro di Latouche dove parla del, secondo lui, ossimoro "sviluppo sostenibile". è interessante anche quello, e si sviluppa nella logica della decrescita insomma.
    Anche perchè penso bisgona ammettere che senza qualche miracolo tecnologico la crescita infinita in un mondo con risorse finite sia utopica al pari del resto
    Beh non proprio questo. In realtà al netto degli sprechi siamo sostenibili allo stato attuale. Ovviamente ciò non vale per una crescita infinita. Solo che a prescindere da quello che dica Latouche un miracolo tecnologico è del tutto probabile e allo stato attuale persino in stato embrionale. La scienza ufficiale sulla fusione, ma anche sulla coltivazione del biodiesel negli oceani o altro, è molto ottimista. Addirittura ci si spinge a fare delle stime temporali. Si parla di circa il 2020-30 per la nuova generazione nucleare pulita, del 50 per la fusione, e per la coltivazione molto ottimisticamente si parla addirittura del prossimo decennio. Tutto ruota sull'energia. Scardinato il tabù dello sviluppo=petrolio=energia, le leggi dello sviluppo cambieranno radicalmente. Mentre invece ammainare la bandiera vuol dire la fine. Comunque ti consiglio di ampliare il campo visivo anche alla scienza ufficiale, che senza digressioni teoriche basate su ipotesi ti da pane al pane e vino al vino. Visto che mi pare di capire che studi economia, è presto detto cosa devi cercare. Io ho imparato moltissimo nel primo modulo di merceologia. Materiale per materiale, energia per energia, ti spiega tutto quello che abbiamo e che potremmo trarre dalla terra. E il quadro è sicuramente di allarme, ma molto dinamico. Cambia tutto nel giro di un anno. Pensa fino a 5 anni fa, si parlava di 10 anni di petrolio a prezzo normale, altri 10 anni con carestia e poi finito. Oggi con nuovi metodi di estrazione si è passati ai 50, con addirittura una possibile autosufficienza statunitense. Cosa che non si vedeva dalla crisi degli anni 70...

    Comunque ovviamente attenzione a non confonderti, e pensare che io ti stia parlando di liberi tutti eh... La scienza ci dice che ora tra carbone e petrolio duriamo moltissimo, tuttavia soffocheremo ben prima di finire il carburante. Il margine è stretto, ma ancora c'è. Credo che oltretutto una riduzione sarebbe semplicemente un riportare i poveri di oggi alla servitù e la borghesia alla nobiltà. Vedrai che pian piano scoprirai che l'abbondanza e solo qualche diritto sociale appena abbozzato ci separano dal medioevo.
    Sottoscrivo comunque l'idea di "decrescita" quale decrescita di numero. La sovra popolazione rischia di essere la nostra condanna...

    Eh si ti do ragione che i tedeschi sono avanti, ed è proprio una questione di mentalità dell' individuo. Noi latini difficilmente saremmo mai come i nordici, c' è poco da fare. Sono avanti e noi non apprendiamo nulla, risultando un peso che speriamo non scarichino in futuro
    Eh il mondo è strano. Quando penso alla "supremazia tedesca" ricordo ancora una famosa e amara constatazione di Hitler che non ricordo dove ho letto. Ora il suo capo archeologo di cui non ricordo il nome, quello famoso che faceva ricerche anche esoteriche, tutto contento andò da lui con il solito fascicolo di balle, a proposito di una società "ariana" che si sarebbe estesa dalla spagna al Tibet. Hitler mestamente commentò:
    "Forse faremmo meglio ad abbandonare queste ricerche. Quando noi vivevamo nelle capanne di fango, i romani vivevano già nei palazzi".

    Non esiste nessuna "maledizione" come ha detto intelligentemente Monti. Siamo stati superiori a loro in moltissimi periodi della nostra storia. In molti settori, persino nel dopoguerra. Come se i razzistoni di campagna tedeschi fossero delle cime... La giustificazione non è nemmeno nella genetica. La differenza tra noi e i tedeschi è colmabile anche in una sola generazione, persino in dieci anni. Perché la verità è che molti italiani somigliano già in tutto e per tutto ai tedeschi. Ma questi italiani non sono in parlamento o nei posti di potere, mentre in germania per tali posti è necessario essere immacolati. E democrazia va bene, ma fintanto che tutti non saremo esperti in tutti i campi (cosa impossibile) il gregge ha l'aspetto la pulizia e la redditività che gli da il pastore. Se i tedeschi avessero Grillo o Berlusconi al potere sarebbero scalcinati tanto quanto noi.. Avevano Hitler...

  8. #2058
    solid L'avatar di enzo680
    Data Registrazione
    Fri Mar 2009
    Località
    "casa del gaudio"
    Messaggi
    7,520

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Andrew Clemence Visualizza Messaggio
    Beh non proprio questo. In realtà al netto degli sprechi siamo sostenibili allo stato attuale. Ovviamente ciò non vale per una crescita infinita. Solo che a prescindere da quello che dica Latouche un miracolo tecnologico è del tutto probabile e allo stato attuale persino in stato embrionale. La scienza ufficiale sulla fusione, ma anche sulla coltivazione del biodiesel negli oceani o altro, è molto ottimista. Addirittura ci si spinge a fare delle stime temporali. Si parla di circa il 2020-30 per la nuova generazione nucleare pulita, del 50 per la fusione, e per la coltivazione molto ottimisticamente si parla addirittura del prossimo decennio. Tutto ruota sull'energia. Scardinato il tabù dello sviluppo=petrolio=energia, le leggi dello sviluppo cambieranno radicalmente. Mentre invece ammainare la bandiera vuol dire la fine. Comunque ti consiglio di ampliare il campo visivo anche alla scienza ufficiale, che senza digressioni teoriche basate su ipotesi ti da pane al pane e vino al vino. Visto che mi pare di capire che studi economia, è presto detto cosa devi cercare. Io ho imparato moltissimo nel primo modulo di merceologia. Materiale per materiale, energia per energia, ti spiega tutto quello che abbiamo e che potremmo trarre dalla terra. E il quadro è sicuramente di allarme, ma molto dinamico. Cambia tutto nel giro di un anno. Pensa fino a 5 anni fa, si parlava di 10 anni di petrolio a prezzo normale, altri 10 anni con carestia e poi finito. Oggi con nuovi metodi di estrazione si è passati ai 50, con addirittura una possibile autosufficienza statunitense. Cosa che non si vedeva dalla crisi degli anni 70...

    Comunque ovviamente attenzione a non confonderti, e pensare che io ti stia parlando di liberi tutti eh... La scienza ci dice che ora tra carbone e petrolio duriamo moltissimo, tuttavia soffocheremo ben prima di finire il carburante. Il margine è stretto, ma ancora c'è. Credo che oltretutto una riduzione sarebbe semplicemente un riportare i poveri di oggi alla servitù e la borghesia alla nobiltà. Vedrai che pian piano scoprirai che l'abbondanza e solo qualche diritto sociale appena abbozzato ci separano dal medioevo.
    Sottoscrivo comunque l'idea di "decrescita" quale decrescita di numero. La sovra popolazione rischia di essere la nostra condanna...



    Eh il mondo è strano. Quando penso alla "supremazia tedesca" ricordo ancora una famosa e amara constatazione di Hitler che non ricordo dove ho letto. Ora il suo capo archeologo di cui non ricordo il nome, quello famoso che faceva ricerche anche esoteriche, tutto contento andò da lui con il solito fascicolo di balle, a proposito di una società "ariana" che si sarebbe estesa dalla spagna al Tibet. Hitler mestamente commentò:
    "Forse faremmo meglio ad abbandonare queste ricerche. Quando noi vivevamo nelle capanne di fango, i romani vivevano già nei palazzi".

    Non esiste nessuna "maledizione" come ha detto intelligentemente Monti. Siamo stati superiori a loro in moltissimi periodi della nostra storia. In molti settori, persino nel dopoguerra. Come se i razzistoni di campagna tedeschi fossero delle cime... La giustificazione non è nemmeno nella genetica. La differenza tra noi e i tedeschi è colmabile anche in una sola generazione, persino in dieci anni. Perché la verità è che molti italiani somigliano già in tutto e per tutto ai tedeschi. Ma questi italiani non sono in parlamento o nei posti di potere, mentre in germania per tali posti è necessario essere immacolati. E democrazia va bene, ma fintanto che tutti non saremo esperti in tutti i campi (cosa impossibile) il gregge ha l'aspetto la pulizia e la redditività che gli da il pastore. Se i tedeschi avessero Grillo o Berlusconi al potere sarebbero scalcinati tanto quanto noi.. Avevano Hitler...
    Mah.
    La testa di un popolo che è sempre stata quella non la cambi in 10 anni.
    Loro sono usciti con le ossa rotte dopo la guerra,e guardali adesso.
    "Non è grave il clamore chiassoso dei violenti,bensì il silenzio spaventoso delle persone oneste".
    cit M.L.KING

  9. #2059
    Senior Member L'avatar di Smallman_647
    Data Registrazione
    Tue Apr 2010
    Località
    Manfredonia(FG)
    Messaggi
    5,592

    Predefinito

    http://www.agi.it/politica/notizie/2...rno_e_da_scemi

    Da notare l'ultima frase, ovvero un qualunquista che da del qualunquista al papa.

    perchè lo hai detto tu che sei ogni sapiente

  10. #2060
    Senior Member L'avatar di Andrew Clemence
    Data Registrazione
    Wed Mar 2009
    Messaggi
    20,834

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da enzo680 Visualizza Messaggio
    Mah.
    La testa di un popolo che è sempre stata quella non la cambi in 10 anni.
    Loro sono usciti con le ossa rotte dopo la guerra,e guardali adesso.
    Non c' è bisogno di cambiare la testa enzo.. Che palle questo catastrofismo senza alcuna ragione logica. Da noi le teste sono perfette così e non abbiamo complessi di inferiorità rispetto a nessuno. Non so da te. Poi il progresso c'è stato anche qui' visto che dal fascismo n'è passata di acqua sotto i ponti. E oltretutto dormivi negli anni 60-70-80 quando le cose quì marciavano bene? Le cose cambiano eccome in 10 anni, come prova anche il fatto che i tedeschi erano separati fino a 20 anni fa...
    Ultima modifica di Andrew Clemence; 20-05-2013 alle 14:17

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •