Pagina 3 di 5 PrimaPrima 12345 UltimaUltima
Risultati da 21 a 30 di 47

Discussione: Stop that Train

  1. #21
    Campane a Stormo L'avatar di cattivocervello
    Data Registrazione
    Tue Jul 2009
    Località
    Tra Brescia e Padova
    Messaggi
    737

    Predefinito

    I Black Bloc non esistono. Basta con le favole dai.

  2. #22

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da sentinel Visualizza Messaggio
    Prince, clicca sui termini in grassetto. Ci sono spiegazioni dettagliate e fonti.
    Sì, l'avevo visto. E' solo che non me ne intendo molto di economia e frasi come "successivo bilancio di esercizio in passivo" non mi dicono praticamente nulla. Più che altro è quel terzo punto che non riesco a discutere.

  3. #23
    Junior Member L'avatar di squall
    Data Registrazione
    Mon Feb 2010
    Messaggi
    881

    Predefinito

    col cavolo che non esistono. Esistono e sono ben organizzati. E non sono solo italiani, ma vengono da tutta europa. La vera domanda che sta dietro è: ma allora perchè nessuno fa niente per beccarli? Perchè fanno comodo ai governi, che così possono giustificare violenze della polizia e rafforzarsi di fronte all' opinione pubblica. Perchè uno li odia, questi cretini che fanno solo casino pensando di essere dei fichi che sono contro il capitalismo e uno stato di polizia, quando in realtà non fanno altro che il loro gioco.
    Non so come fai a dire favola: a Genova o piu recentemente Londra, solo per citarne qualche episodio, non mi sono sembrati una bufala. E manco stavolta: erano ben organizzati, mai avevo visto un' organizzazione simile in degli scontri, praticamente hanno costruito tipo dei mortai!

  4. #24
    Senior Member L'avatar di Andrew Clemence
    Data Registrazione
    Wed Mar 2009
    Messaggi
    20,834

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da cattivocervello Visualizza Messaggio
    Niente male come argomentazione.
    Argomentazione di chi sa bene che discutendone si troverà davanti un muro di gomma. Non è che se si andasse a parlare di preventivi chiaramente tendenziosi, di processo tecnologico, del fatto che una innovazione per essere positiva non deve per forza portare un tornaconto monetario (Pensa al treno giapponese a repulsione magnetica, non alimenta certamente un grande giro d affari, ma modifica l immagine che abbiamo delle ferrovie giapponesi.) La nostra immagine sarà sempre quella dei cacasotto europei che si riempono la bocca di palle...

  5. #25
    Senior Member L'avatar di Dargil
    Data Registrazione
    Wed Aug 2009
    Messaggi
    19,065

    Predefinito

    E da oggi in poi anche pirati sfascia aziende multimiliardarie

  6. #26
    Campane a Stormo L'avatar di cattivocervello
    Data Registrazione
    Tue Jul 2009
    Località
    Tra Brescia e Padova
    Messaggi
    737

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da squall Visualizza Messaggio
    col cavolo che non esistono. Esistono e sono ben organizzati. E non sono solo italiani, ma vengono da tutta europa. La vera domanda che sta dietro è: ma allora perchè nessuno fa niente per beccarli? Perchè fanno comodo ai governi, che così possono giustificare violenze della polizia e rafforzarsi di fronte all' opinione pubblica. Perchè uno li odia, questi cretini che fanno solo casino pensando di essere dei fichi che sono contro il capitalismo e uno stato di polizia, quando in realtà non fanno altro che il loro gioco.
    Non so come fai a dire favola: a Genova o piu recentemente Londra, solo per citarne qualche episodio, non mi sono sembrati una bufala. E manco stavolta: erano ben organizzati, mai avevo visto un' organizzazione simile in degli scontri, praticamente hanno costruito tipo dei mortai!
    Quelli che vengono chiamati Black Bloc sono tutto tranne che italiani, in primis. Il termine, coniato dalla polizia e diffuso dai mass media, indica un modo di fare scontri. L'origine è extra-italiana, appunto: i primi a essere bollati così sono stati gli Autonomen tedeschi all'inizio degli anni '80 quando erano in corso manifestazioni pro RAF; in seguito le modalità di guerriglia sono state adottate da gruppi di anticapitalisti americani durante le proteste per la Guerra del Golfo, e la terminologia ha seguito la stessa strada.
    In Italia i quotidiani hanno iniziato a parlare di Black Bloc solo col G8 di Genova, e pure in quel caso si trattava di gruppi informali di tedeschi, americani e, pare, francesi. La mia avversione a questo tipo di discorso risiede nel fatto che giudico improprio parlare "dei Black Bloc", dal momento che non esiste una sede o sedi distaccate, non esistono volantini di rivendicazione firmati dai Black Bloc, non esiste un organo del "movimento". Il Black Bloc viene praticato in totale spontaneità, all'interno di un corteo nessuno dei soggetti in nero sa quante persone "affini" ci sono, nè può sapere quante se ne aggiungeranno in seguito.
    Il più delle volte si tratta di infiltrati della polizia stessa, e il loro compito è vandalizzare il più possibile per dare il pretesto che serve ai colleghi per iniziare le cariche. Ci sono ammissioni dei diretti interessati in questo senso, il primo che mi viene in mente è la serie di manifestazioni in Canada nel 2007 contro l'SPP. E' un sistema tipico della polizia in casi come questo, funziona a livello microscopico-locale, a maggior ragione viene utilizzato su scala nazionale od oltre.
    Con questo naturalmente non intendo negare la costante presenza a buona parte dei cortei di gruppetti di anarcoteste di cazzo il cui unico scopo è sfondare bancomat e McDonald's, e ti assicuro che li odio più della media dato che ho preso più di una legnata per colpa di questi cretini.

    Citazione Originariamente Scritto da Andrew Clemence Visualizza Messaggio
    Argomentazione di chi sa bene che discutendone si troverà davanti un muro di gomma. Non è che se si andasse a parlare di preventivi chiaramente tendenziosi, di processo tecnologico, del fatto che una innovazione per essere positiva non deve per forza portare un tornaconto monetario (Pensa al treno giapponese a repulsione magnetica, non alimenta certamente un grande giro d affari, ma modifica l immagine che abbiamo delle ferrovie giapponesi.) La nostra immagine sarà sempre quella dei cacasotto europei che si riempono la bocca di palle...
    Ah certo. I preventivi chiaramente tendenziosi creati ad arte dai susini. Giusto. Un'innovazione per essere positiva non deve portare necessariamente denaro ,esatto, deve essere utile e portare benefici ai fruitori e a chi subisce l'opera in termini di infrastrutture e cantieri. E secondo te quindi gli autoctoni dovrebbero subire quello che stanno subendo perchè così poi da fuori possono dire che siamo un po' meno mentecatti di prima?
    Ultima modifica di cattivocervello; 05-07-2011 alle 21:01

  7. #27

    Predefinito

    Assurdo che l'Italia sia talmente retrograda da avere da ridire su qualsiasi progetto che può modernizzare qualcosa, che sia il nucleare negli anni '80 o il TAV oggi.
    Assurdo che ogni progetto che può far guadagnare in immagine, affari, prestigio o può semplicemente facilitare qualcosa sia osteggiato perché "mero interesse delle lobby capitalistiche sbroc".
    Questa protesta non ha semplicemente senso, non capisco per quale motivo si possa considerare negativa l'idea del TAV in Val di Susa.

  8. #28
    Campane a Stormo L'avatar di cattivocervello
    Data Registrazione
    Tue Jul 2009
    Località
    Tra Brescia e Padova
    Messaggi
    737

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Cloud Strife Visualizza Messaggio
    Assurdo che l'Italia sia talmente retrograda da avere da ridire su qualsiasi progetto che può modernizzare qualcosa, che sia il nucleare negli anni '80 o il TAV oggi.
    Assurdo che ogni progetto che può far guadagnare in immagine, affari, prestigio o può semplicemente facilitare qualcosa sia osteggiato perché "mero interesse delle lobby capitalistiche sbroc".
    Questo accade tutte le volte che le cose vengono fatte, o progettate per essere fatte, col culo. In Italia pare essere la norma.
    Citazione Originariamente Scritto da Cloud Strife Visualizza Messaggio
    Questa protesta non ha semplicemente senso, non capisco per quale motivo si possa considerare negativa l'idea del TAV in Val di Susa.
    Vallo a chiedere alla gente che sta là in presidio permanente, te lo dicono loro quali sono i motivi.
    Hai buttato l'occhio sulle motivazioni? Ti paiono questioni di principio, o ragioni campate per aria? Sapevi che ci sono vari professionisti di settori inerenti (ingegneria edile, ambientale, geologia), alcuni interpellati dal governo stesso, che hanno sottolineato quanto quest'opera sia un'inutile cazzata?

  9. #29
    Re-build L'avatar di Lorenzo GOV
    Data Registrazione
    Tue Oct 2006
    Località
    Wonderland
    Messaggi
    16,126

    Predefinito

    Ma veramente certa gente che parla in questo foro sembra essere un'estroflessione orale dei sapientoni onniscienti politici.

    Ma come si può parlare di progresso tecnologico con un'opera che di progredito non ha nulla? Come si può parlare di immagine, appeal, prestigio, neanche stessimo parlando di un agente che sponsorizza la sua nuova baby star?
    Parliamo di conti, bilanci, spese, tornaconti, questioni pratiche, pro e contro. Questi sono i parametri e nient'altro.
    Ergo la TAV è uno spreco, una autogol economico, una presa in giro e una lesione degli interessi e dei diritti autoctoni.

  10. #30
    imma a huge fahget L'avatar di sentinel
    Data Registrazione
    Sat Apr 2005
    Località
    Aperture Science Cooperative Test Initiative
    Messaggi
    7,806

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Cloud Strife Visualizza Messaggio
    Assurdo che l'Italia sia talmente retrograda da avere da ridire su qualsiasi progetto che può modernizzare qualcosa, che sia il nucleare negli anni '80 o il TAV oggi.
    Assurdo che ogni progetto che può far guadagnare in immagine, affari, prestigio o può semplicemente facilitare qualcosa sia osteggiato perché "mero interesse delle lobby capitalistiche sbroc".
    Questa protesta non ha semplicemente senso, non capisco per quale motivo si possa considerare negativa l'idea del TAV in Val di Susa.
    Per una volta, evitate di tirare fuori dal cappello la stronzata dell'Italia paese di merda, sottosviluppato, riempito di idioti. Si tratta di autolesionismo finanziario, un vero e proprio pozzo di soldi dove verranno buttati chissà quanti miliardi, ma sentiamo cosa farebbe una (!) linea ferroviaria, di immagine, di benessere economico e di progresso. Fare opere per il gusto di farlo e spacciarle per opere di progresso è una tattica classica della demagogia, e ci sei cascato dentro, perché dai per scontato che quello che viene fatto in Germania o in Francia sia automaticamente buono, mentre siamo noi, italiani soliti ritardati a non capire un cazzo e a rimanere sempre indietro. Quindi spendiamo miliardi di euro per un'opera che porterà lavoro (temporaneo), progresso (non un progresso specifico, un generale meraviglioso progresso) e immagine (non un tipo specifico di immagine, tutti i paesi ci guarderanno con occhi nuovi).
    C'ha ragione Lorenzo, parlate come se tutto il resto del mondo tranne voi non capisse una beneamata minchia.
    Forse quando rimarrà solo sale e terra e le stelle cadranno, ti sentirai a casa.

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •